Baseball, Western League: quarto posto finale per la Cairese

0
CONDIVIDI
Baseball
Baseball

SAVONA 14 MAR.  Domenica 13 marzo è tempo di finali della 9° edizione della Western League si fanno bilanci, considerazioni , si tirano le somme e si gettano le basi per programmare la stagione sul campo, perché quando finisce la Western League inizia la stagione ….
Un Torneo partito nel mese di novembre con 18 squadre iscritte, che ha fatto tappa in diverse città di Liguria, Lombardi e Piemonte, un appuntamento importante per scaldare mazze e guantoni durante la lunga stagione invernale, una buona palestra di sport per i veterani , ma anche per coloro che approcciano il baseball per la prima volta.
La Cairese ha giocato complessivamente 34 partite ottenendo 20 vittorie e 4 pareggi e subendo 10 sconfitte con una squadra numerosa composta da 17 ragazzini ; alcuni avvezzi all’agonismo, altri più timidi, alcuni appena all’inizio.
Ma la Western League non è solo fatta di numeri, è fatta di atleti e soprattutto di bambini che in campo mettono passione e voglia di giocare e di divertirsi in uno sport spettacolare. E anche voglia di vincere …
E’ così che è scesa in campo ieri la Cairese ed è con quella voglia di vincere che ha affrontato il girone eliminatorio che la avrebbe portata dritta a Casalbeltrame per giocare le finali.
Gara 1 contro Avigliana vede i giovanissimi biancorossi vincere senza pensieri con un secco 5 a 0, alla fine di un incontro che non ha mai avuto colpi di scena, o capovolgimenti di fronte, gara 2, invece, giocata contro Milano 46 ha un altro ritmo, la Cairese sbaglia e insegue, in attacco è un’altra squadra rispetto all’incontro precedente, fino all’ultimo mezzo inning che inizia con uno svantaggio di due punti da recuperare : i ragazzi tirano fuori la forza, digrignano i denti e mettono a segno i 3 punti necessari per portare a casa l’incontro: 7 a 6 punteggio finale.
Poi in gara 3 arriva la sconfitta subita contro i Cabs di Seveso che saranno i vincitori del torneo; per avere la certezza dell’accesso alla semifinale occorre vincere contro i New Rebels Panthers, la squadra c’è , ha ritrovato sintonia in difesa e caparbietà in attacco ed arriva la terza vittoria per 6 a 2 : si va a Casalbeltrame.
E poi … beh tutta un’altra storia … la Cairese scende in campo per la semifinale contro il Settimo paurosa, subisce la grinta degli avversari veramente agguerriti ed audaci, si sente spaesata , le cose semplici, usuali, di routine , diventano improvvisamente nemiche … la palla in difesa è come impazzita, casca dai guantoni, e in attacco le mazze non spingono a sufficienza e a volte non incocciano neppure la palla … Tutto questo è ciò che in gergo sportivo si chiama “paura di vincere”, certo giocare le finali non è semplice, bisogna vincere l’emotività, bisogna far quel qualcosa in più; rispetto massimo per l’avversario che gioca alla grande con una grinta smisurata … ma la Cairese proprio non c’è fino all’ultimo inning quando a giochi fatti segna i tre punti che accorciano le distanze, (8 a 5 risultato finale).
Nella finalina per il 3° posto i manager schierano in campo contro il Novara la squadra del futuro …. Che subisce una sconfitta dignitosa, e che fa vedere sprazzi di buon gioco; ottimo quindi il quarto posto ottenuto alla fine di una giornata ricca di emozioni e di bel gioco; la classifica finale vede il Seveso trionfare battendo in finale il Settimo Tornese.
Questo il riassunto di una giornata spettacolare nella quale a trionfare, come qualcuno scriveva, è stato il baseball; quel baseball pulito che si è manifestato negli occhi di 400 ragazzini scatenati e rumorosi, colorati e pieni di energia ; e che fanno ben sperare nel futuro del movimento giovanile di questo sport che impersonato e giocato da questi giovani atleti non ha nulla di ostico.
La compagine Cairese era composta dalle giovani leve : Angoletta Matteo, Baisi Matteo, Barlocco Pedrazzani Ludovico, Buschiazzo Marco, Bussetti Enico, Castagneto Giuliano, De Bon Francesco, Franchelli Davide, Garra Michele, Giuria Matteo, Leoncini Diego, Noto Manuel, Satragno Riccardo, Torterolo Andrea e Davide, Zanola Alessandro.

LASCIA UN COMMENTO