Banda dei Vacheron Costantin rapina i vip: catturata coppia di campani

1
CONDIVIDI
Un Vacheron Costantin da migliaia di euro
Un Vacheron Costantin da migliaia di euro
Un Vacheron Costantin da migliaia di euro

GENOVA. 19 LUG. Rapine ai danni di imprenditori vip genovesi. I carabinieri del nucleo Operativo di Santa Margherita Ligure, con la collaborazione dei colleghi di Napoli e di Maddaloni (CE), a conclusione di attività investigativa, l’altro giorno hanno catturato due malviventi, autori di rapine di orologi di ingente valore  avvenute per le strade di Genova e del Levante Ligure nei mesi scorsi.

L’indagine era partita dopo la prima rapina, avvenuta il 26 settembre 2015, in danno di un  noto imprenditore genovese al quale era stato sottratto un orologio Vacheron Costantin di grande valore economico, oltre che affettivo.

Nell’occasione, l’immediata e serrata attività investigativa aveva permesso nelle successive 24 ore di sottoporre a fermo uno dei responsabili e deferire in stato di libertà una prima complice. I successivi approfondimenti, avevano poi consentito l’esecuzione di misura restrittiva nei suoi confronti e il recupero della refurtiva. Le indagini sono quindi proseguite, rivolte all’individuazione del secondo complice e per verificare che non fossero stati commessi analoghi reati in quei giorni.

 

L’intuizione degli investigatori si è rivelata esatta ed ha permesso di scoprire che proprio il giorno prima, il 25 settembre,  in Genova, con analogo modus operandi era stata perpetrata analoga rapina in danno di un altro imprenditore genovese.

Di fatto, il 25-26 settembre i due trasfertisti campani, con i volti parzialmente travisati da casco, a bordo di una moto, dopo aver individuato ed avvicinato la vittima che, si accingeva a rientrare presso la  propria abitazione, gli avevano strappato dal polso l’orologio, dandosi poi a precipitosa a bordo del  motoveicolo la cui targa veniva oscurata.

I due “trasfertisti” napoletani, M.A. di 33 anni  e A.L. di 33 anni, risultano già noti alle forze dell’ordine.

Gli arrestati, una volta circondati e senza vie di fuga, non hanno opposto resistenza e sono stati associati rispettivamente al carcere di  Poggioreale e di S.Maria Capua Vetere.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO