Balneari, Scajola: governo Renzi sta con Bolkenstein, noi no

0
CONDIVIDI
Il governatore ligure Giovanni Toti e l'assessore regionale all'Urbanistica Marco Scajola
Toti e Scajola attaccano Renzi sui balneari: loro stanno con Bolkenstein, noi no
Toti e Scajola attaccano Renzi sui balneari: loro stanno con Bolkenstein, noi no

GENOVA. 20 APR. “La posizione assunta dal sottosegretario all’Economia, Pierpaolo Barretta che indica le gare per le imprese balneari, come strada inevitabile da percorrere, per evitare di incorrere nelle sanzioni europee, è molto grave, se si pensa che viene da un Governo che invece dovrebbe impegnarsi per difendere gli investimenti delle nostre imprese”.

Lo ha detto oggi il coordinatore del tavolo delle Regioni in materia di Demanio e assessore all’Urbanistica della Regione Liguria, Marco Scajola.

“E’ molto pericoloso  che un sottosegretario del Governo – ha aggiunto Scajola – assuma la posizione imposta dall’Europa con la direttiva Bolkestein che prevede le aste per le aziende balneari, come inevitabile, nei confronti della quale arrendersi e non tenti invece di mettere in atto tutti quegli accorgimenti, condivisi anche dalle stesse regioni, per salvaguardare le 30.000 imprese balneari italiane e gli oltre 300mila posti di lavoro. A cominciare ad esempio almeno da un doppio binario che distingua tra le aziende presenti e quelle di nuova costituzione e una proroga di almeno 30 anni per le imprese esistenti”.

 

L’assessore Scajola ha ribadito la necessità di una legge nazionale che sia chiara e concreta, messa a punto nel più breve tempo possibile per tutelare l’Italia e le sue aziende. Un disegno di legge da approvare prima della sentenza, attesa a maggio, della Corte di Giustizia Europea.

 

 

LASCIA UN COMMENTO