Home Cronaca Cronaca Genova

BAGNI COMUNALI. SERRATA NEL WEEKEND DI FERRAGOSTO?

0
CONDIVIDI
La Regione Liguria ha chiesto al Governo un intervento urgente sul tema delle concessioni demaniali. L'obiettivo è quello di superare la direttiva Bolkestein

bagni-sannazaroGENOVA. 14 AGO. Tempo bello o tempo brutto a ferragosto di questo non si ha ancora la certezza. Quello di cui si è certi, però, è che per chi usufruisce dei bagni comunali sarà un ferragosto complicato.

I sindacati sono sul piede di guerra e hanno confermato uno sciopero di tre giorni, per tutto il fine settimana, da domani a domenica negli ex-bagni comunali “San Nazaro” di corso Italia e “Scogliera” di Nervi, per i dipendenti dell’Azienda Bagni Marina.

Al centro della vertenza la situazione di precariato che coinvolge oltre 40 lavoratori che stanno subendo un “precariato storico” da oltre un decennio.


Nel 2001 infatti la comunale “Azienda Bagni” che è diventata “Bagni Marina Genovese”, subisce una prima trasformazione passando da 102 dipendenti a 75, con 27 lavoratori che finiscono ad AMIU.

La nuova società, una srl, che gestisce i San Nazaro, i Bagni Scogliera e i Janua di Vesima, viene costituita dal Comune per la gestione del servizio bagni marini e spiagge attrezzate con la precisa clausola che non sarebbe stato “affidato a terzi nessuna lavorazione propria finché non si fosse trasformato il contratto da part- time a tempo pieno a tutto il personale che ne avesse fatto richiesta”.

Infatti, parte il personale è dipendente a tempo indeterminato e in parte determinato sempre del Comune di Genova.

Nel 2012, però, la gestione dello stabilimento Janua viene ceduta a terzi e anche negli anni precedenti alcune lavorazioni furono affidate a ditte esterne senza che negli 11 anni di gestione alcun lavoratore, non solo non sia passato a tempo pieno, ma non abbia neppure aumentato il numero di mesi del part time.

Da qui l’agitazione del personale iniziata a giugno e che mette a rischio la giornata di ferragosto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here