Home Cronaca Cronaca Italia

Babysitter gratis ai migranti e le paghiamo noi (non è una bufala)

54
CONDIVIDI
Business immigrati, in arrivo sanzioni ai proprietari che affittano case senza informare i sindaci

BOLOGNA. 7 MAG. “Babysitter ai migranti. Le paghiamo noi” con 330 milioni di euro. Non è una bufala. E’ il titolo del post, corredato da un video, pubblicato alcuni giorni fa su Facebook dal consigliere regionale dell’Emilia Romagna ed avvocato Galeazzo Bignami (Forza Italia) che ha scatenato una bufera e l’indignazione del popolo del web.

L’informazione è stata ripresa anche dal quotidiano nazionale “La Verità” di Maurizio Belpietro, che l’ha verificata e ha pubblicato un’inchiesta sulla notizia che appare incredibile, ma non sembra affatto una “fake news”.

“Lo sapevate – ha aggiunto il consigliere regionale di Forza Italia – che coi soldi delle nostre tasse paghiamo anche le babysitter ai migranti? Le babysitter, avete capito bene. E no ai lavoratori italiani. Ai migranti. 18,50 € l’ora.


Lo hanno deciso Regione Emilia Romagna e Ministero dell’Interno con due bandi di poche settimane fa che potrete vedere nel video. Poi come fa uno a non arrabbiarsi.

Questi vengono in Italia violando le nostre leggi, imponendoci i propri costumi, delinquendo sempre più e noi gli paghiamo vitto, alloggio e pure la babysitter.

Non solo. La babysitter (che deve essere laureata…) è pagata per i minori dei migranti che vanno ai corsi di italiano, anche questi gratis per loro visto che sono pagati coi soldi nostri (45 € l’ora per insegnante).

Il tutto grazie ad un fondo di 330.000.000 (milioni!) di euro. Tutti soldi nostri.

Però poi ci dicono che devono tagliare la sanità, i trasporti, i servizi perché non ci sono i soldi… Però i soldi per la babysitter ai migranti li trovano.

E questo non è razzismo. E’ buon senso. La verità? E’ che ci sono troppi interessi economici che girano. Questo è un business”.

https://www.facebook.com/galeazzo.bignami.1?lst=100009356408350%3A1402652645%3A1494178120

 

54 COMMENTI

  1. Non so se sia vero,comunque non stupisce più niente in questo Paese,ci sarebbe da stupirsi del contrario.Facciamo parte di una Europa,che blinda le frontiere ma nel contempo parla di Accoglienza,cosa fa L’Italia sta a guardare? Non siamo neanche in grado di far rispettare Accordi e Patti Firmati,in compenso quando ci devono spaccare il C……….,allora ce lo chiede L’Europa.Purtroppo questo è il Paese delle Contraddizioni.!!!!!!!!!!!!!

  2. Che cosa c’è di nuovo,ormai questi parassiti neri hanno tutto pagato da noi, persino la scuola guida, ne sono certo perché ce ne sono una decina in quella che frequento ora ed hanno tutto pagato dalla caritas…

  3. Ci manca solo che a noi italiani ci mettete sui barconi verso l’Africa e in Italia ci mettete tutti gli Africani perché ormai ci avete levato tutto . Ma spero che la dignità si faccia sentire

  4. Non ci posso credere ma noi italiane se lavoriamo dobbiamo pagarci tutto baby sitter asilo nido… ma qui veramente la cosa sta degenerando e tutti i giorni arrivano migranti nell’ordine di migliaia visto che praticamente li prelevano dalle coste libiche non so cosa hanno intenzione di fare i nostri politici di un governo non votato e cercato di far cadere il 4 dicembre purtroppo inutilmente

  5. Ma non vanno mica a ballare..servono per le poche ore di un corso base di italiano.per integrarti devi sapere almeno che lingua parlare. Visto che è un dovere ETICO accogliere chi scappa da atrocità..o preferite ghettizzarli così si farà la fine delle banlieu parigine??? Non sono questi i soldi sprecati… se i politici rinunciassero al loro vitalizio invece di pipparselo in parlamento…

    • Gentile Mariateresa, purtroppo non si tratta di una bufala. La notizia è stat verifica. Cordialità. LN

  6. E allora!!!!queste baby sitter almeno lavorano altrimenti sarebbero senza lavoro ,abbiamo sempre da lamentarci ,comunque a chi da queste notizie con lo spirito di mettere malumori si dovrebbe dare un premio

  7. Non credo serva fomentare l’odio verso gli immigrati. Facciamo da soli per questo.
    Ma a qualcuno conviene la guerra tra poveri (e tra i poveri ci sono impiegati di alto livello , operai, pensionati, casalinghe, disoccupati. Poliziotti, vigili del fuoco, carabinieri..ecc. ecc.) per lucrare lucrare e lucrare, destra e sinistra, 5 stelle, mafiosi, preti, vescovi e suore

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here