Auto rubate per arabi ricchi, individuate col satellitare da Polstrada

1
CONDIVIDI
gdf-range-rover-rubata-port
Una Range Rover rubata, come quella rintracciata a Pasqua dagli investigatori della Polstrada
gdf-range-rover-rubata-port
Una Range Rover rubata, come quella rintracciata a Pasqua dagli investigatori della Polstrada

GENOVA. 29 MAR. Auto di lusso da centomila euro ciascuna. Le auto rubate erano destinate al mercato africano per gli arabi ricchi e sarebbero state inviate in Nord Africa imbarcandole nel porto di Genova. Nella notte di Pasqua gli investigatori della Polstrada genovese, agli ordini del Primo dirigente Alessandra Bucci, hanno arrestato otto persone, 3 italiani e 5 africani, che stavano nascondendo in un container due potenti Range Rover, rubate e destinate al mercato africano.

Nella tasche dei ricettatori sono stati trovati e sequestrati anche 50mila euro e  4mila dollari in contanti, una pistola elettrica e un paio di manette.

Le auto di lusso erano state rubate in Liguria e i poliziotti sono riusciti a rintracciarle grazie al sistema antifurto satellitare, installato sui veicoli. Le due supercar erano posteggiate a poca distanza una dall’altra.

 

Durante l’appostamento, gli investigatori hanno notato una vecchia Mercedes con tre individui sospetti a bordo. Uno di questi è sceso e si è messo alla guida di uno dei veicoli rubati. Dopo avere sostituito le targhe italiane con quelle false svizzere, ha trasportato le auto in un container. Ad attendere il malvivente e i complici, c’erano gli africani, giunti per prendere in consegna le vetture rubate. Stessa procedura per l’altra Range Rover, ma con l’applicazione di false targhe tedesche. Gli otto devono rispondere, a vario titolo, di ricettazione aggravata.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO