Home Cronaca Cronaca Genova

Attentati ai ripetitori, procura: finalità di terrorismo

0
CONDIVIDI
Attentati ai ripetitori, per la procura è finalità al terrorismo

GENOVA. 29 MAG. Lo scorso 16 febbraio un attentato incendiario a tre furgoni parcheggiati in via Adamoli a Molassana dell’azienda pugliese di ristorazione Ladisa che ha appalti per mense e caserme.

Sei giorni dopo quello contro un ripetitore a Staglieno e un altro a Trasta.

Ed ancora quello dell’8 maggio in via Codeviola, a San Gottardo, della Wind-Tre. Qui, dopo aver forzato una porta, i sabotatori avevano tagliato una serie di cavi che avevano messo fuori uso l’antenna “Wind Tre” e sul caso erano stati avviate le indagini della Digos.


Ora la Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo per danneggiamento aggravato e contesta l’aggravante della finalità terroristica e secondo il sostituto procuratore Federico Manotti, che sta indagando sul sabotaggio all’antenna, la firma degli attentati sarebbe la stessa, ovvero quella che ha rivendicato, sul sito internet di inventati.org l’ultimo attentato: Croce Nera Anarchica.

Il tutto sarebbe da mettere in relazione all’arresto di Alfredo Cospito, condannato a luglio del 2014 a 9 anni e 8 mesi con Nicola Gai per l’attentato all’amministratore delegato di Ansaldo Nucleare, Roberto Adinolfi, gambizzato il 7 maggio 2012.

Croce Nera Anarchica rivendica sul sito l’attentato con queste parole: “Genova Valbisagno: sabotato ripetitore in solidarietà col prigioniero Alfredo Cospito in sciopero della fame contro la censura a cui sono stati sottoposti gli arrestati dell’operazione Scripta Manent. Rompiamo l’isolamento”.

Il prossimo 5 giugno, fra l’altro, si svolgerà a Torino l’udienza preliminare del processo dopo l’operazione antiterrorismo, che ha portato all’arresto di sette persone e in cui è imputato anche Alfredo Cospito, anarchico del Nucleo Olga della Federazione Anarchica informale. I fatti, avvenuti anni fa, riguardano tre ordigni esplosivi: una nel quartiere Crocetta di Torino, il 5 marzo 2007 e due alla caserma allievi carabinieri di Fossano il 2 giugno 2006.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here