Atp, nuovo sciopero il 1 dicembre

0
CONDIVIDI
Sciopero di Atp martedì 1 dicembre
Sciopero di Atp martedì 1 dicembre
Sciopero di Atp martedì 1 dicembre

GENOVA. 24 NOV. Per martedì 1 dicembre sono confermate otto ore di sciopero per ATP, l’Azienda di Trasporti Provinciale, dalle Segreterie di Filt Cgil Fit Cisl Uiltrasporti Faisa Cisal Ugl Trasporti.

In una nota sindacale si legge: “Venerdì scorso si è tenuta l’ennesima riunione tra le scriventi organizzazioni sindacali e gli Assessori ai Trasporti Regionale e della Città metropolitana. L’incontro era stato programmato con gli stessi soggetti istituzionali nel corso dello sciopero dei Lavoratori ATP dello scorso 10 Novembre; nell’occasione era sta chiesta la presenza anche del Comune di Genova e delle Aziende ATP e AMT.

Oltre a registrare negativamente l’assenza sia del Comune di Genova e delle Aziende, dobbiamo prendere atto della mancanza di un’intesa di massima sulle sorti di ATP da parte degli Enti presenti all’incontro.

 

La Regione Liguria ha confermato che garantisce anche per il 2016, nonostante i tagli del 10% dei contributi Statali alla Regione, le stesse partite economiche destinate ai Trasporti e sostiene di non poter contribuire ulteriormente con risorse aggiuntive. A questo si aggiunge la bocciatura da parte del Comune/Città Metropolitana su la proposta fatta da Berrino di recuperare le risorse attraverso azioni che coinvolgevano i servizi integrati della Ferrovia Genova-Casella e il biglietto integrato.

La Città Metropolitana che ha la doppia figura di azionista e regolatore del servizio, continua a sostenere che pur essendo il trasporto pubblico locale una priorità  non può e non ha i soldi per garantire il contributo economico storico (1,4 milioni di euro), informando, inoltre, che entro il 27 Novembre la Direzione ATP convocherà le OO.SS. per la presentazione del Piano Industriale destinato a recuperare 1,4 milioni di euro.

Le scriventi hanno espresso il loro forte disappunto per l’assenza di proposte e linee d’indirizzo da parte di Regione e Città Metropolitana per risolvere il pesante problema in capo ad ATP, dove, di fatto, scaricano sul tavolo aziendale la ricerca delle risorse necessarie al suo equilibrio finanziario.

La cosa incredibile è che il Piano industriale sarà predisposto dagli stessi che non sono stati in grado di dare corpo agli interventi necessari per il pieno recupero della retribuzione dei suoi dipendenti, come invece previsto dagli accordi sottoscritti.

Infine, alla luce dell’inconsistenza dell’incontro privo di contenuti che lascia una situazione stagnante e di grave incertezza per il futuro occupazionale dei lavoratori di ATP e della continuità aziendale stessa, è confermato lo sciopero di otto ore proclamato per martedì 1 dicembre 2015.

Lo stato in cui versa Atp è da addebitare esclusivamente alle istituzioni e ai vertici aziendali incapaci di governare un percorso di consolidamento della società. non pensino, per rimediare alle loro inefficienze, di mettere in atto azioni che peggiorino le condizioni di lavoro salario e servizio”.

LASCIA UN COMMENTO