ATA: il Comune propone la risoluzione del contratto Polo Crematorio

0
CONDIVIDI

SAVONA. 19 SET.  Il Comune di Savona verso la risoluzione del contratto con ATA S.p.a. per la realizzazione del Polo crematorio.

Nel corso della seduta di Giunta di oggi, lunedì 19 settembre, l’Assessore al Bilancio e alle Società Partecipate Silvano Montaldo ha informato il Sindaco e l’Amministrazione Comunale di aver ultimato l’esame dei rapporti contrattuali in essere con la società ATA S.p.a. per la cessione del ramo d’azienda e la conseguente obbligazione per la costruzione del Polo crematorio. Dopo essersi confrontato con i dirigenti e il legale del Comune, il Segretario Comunale e l’azienda, l’Assessore propone di attivare le procedure di risoluzione contrattuale con contestuale retrocessione dell’attività.

“Con la risoluzione verrà anche avviata ogni procedura necessaria per un corretto funzionamento del servizio e il mantenimento dei livelli occupazioni, che sarà ovviamente regolato da nuovi rapporti economico-contrattuali che terranno conto del venir meno di determinate obbligazioni – spiega l’Assessore Montaldo – Oltre alla risoluzione contrattuale, dovrà essere rivisto il progetto di costruzione del nuovo Polo affinché vengano garantite le prerogative per cui è stato concepito, ma con una rivisitazione in alcuni profili per rendere l’investimento meno oneroso. Si deve dare atto che l’attività di mera cremazione dei primi 7 mesi dell’anno non ha dato particolari segnali di criticità e ha garantito la richiesta – conclude l’Assessore –  da questa base si dovrà procedere a una rivisitazione del business plan e, conseguentemente, delle modalità di investimento per effettuare le necessarie operazioni di ristrutturazione e ampliamento dell’opera.”

LASCIA UN COMMENTO