Assegnata a sorpresa a Michela Lucenti la cattedra di Storia della Danza all’Unige

4
CONDIVIDI
Assegnata a sorpresa a Michela Lucenti la cattedra di Storia della Danza all’Università di Genova

GENOVA. 14 OTT. Apprendiamo oggi che la coreografa spezzina Michela Lucenti, fondatrice della compagnia Balletto Civile e direttrice artistica del festival Resistere e Creare di Genova (Teatro della Tosse) e co-direttrice di Fuori Luogo La Spezia, è stata chiamata a condurre il corso di Storia della Danza al Dipartimento di Scienze Umanistiche, con indirizzo Arti e Spettacolo dell’Università di Genova.

Un incarico prestigioso per il quale si presuppone occorrano dei titoli specifici. Leggendo accuratamente il cv della Lucenti leggiamo che la sua preparazione culturale riguarda espressamente un formazione nella danza e nel teatro :“Michela Lucenti incontra il lavoro della compagnia di Pina Bausch attraverso i suoi danzatori Beatrice Libonati e Jan Minarik, conoscenza importante che segnerà profondamente le sue scelte. Frequenta la Scuola Biennale del Teatro Stabile di Genova. Contemporaneamente incontra l’ultima fase del lavoro di ricerca di Jerzy Grotowski, attraverso gli insegnamenti di Thomas Richards.Come naturale prosecuzione dell’esperienza de L’IMPASTO Comunità Teatrale Nomade, frutto della lunga collaborazione artistica con Alessandro Berti, nel 2003 fonda il progetto BALLETTO CIVILE” a seguire un lungo elenco di spettacoli da lei creati e realizzati con la compagnia. Questo detta il curriculum vitae pubblicato sul suo sito internet. Nessun cenno a laurea nè tantomeno ad un percorso come ricercatrice. Come sappiamo in Italia esistono due categorie di docenti universitari: i professori di seconda fascia o “associati” e quelli di prima fascia o “ordinari”. Si tratta delle due tappe successive a quella di ricercatore nella carriera universitaria. Per accedere a entrambi i ruoli è previsto un concorso, le cui modalità di svolgimento sono state recentemente riformate da un decreto del ministero dell’università e della ricerca scientifica.

A questo punto sorge spontanea qualche domanda: con quali criteri e per quali titoli è stato assegnato questo incarico a Michela Lucenti?… La ballerina ha effettuato un regolare concorso?… ad oggi all’interno dell’ Ateneo genovese si diventa professori ad honorem?…

 

FRANCESCA CAMPONERO

4 COMMENTI

  1. Ma i corsi universitari li tengono anche professori a contratto, scelto in base al curriculum e non a concorso. Nell’articolo non viene spiegato. Si vede che il giornalista non sa bene come funziona. I contratti sono annuali e di solito vengono pagati pochissimo. Si tratta di volontariato. Io ho tenuto diversi corsi come professore a contratto. Non ha nulla a che fare con l’inserimento nei ruoli dei docenti dipendenti dell’università.

  2. A parte che lei terra un corso e non ha nessuna cattedra, poi nell’articolo c’è scritto che non trovano traccia di una laurea etc. Ma lei è laureata in lettere antiche e pardon, Per molte cose preferisco persone che fanno, sanno, e che girano il mondo con gli spettacoli, piuttosto che gente che non ha mai vissuto realmente questo mondo, se non come critico o mai come professionista… Insomma chi ha solo un idea astratta di questo mondo.
    Il balletto civile ha lavorato negli stati uniti, Germania, Francia Giappone e molti altri paesi. È il massimo esponente di teatro danza che abbiamo al momento in Italia. Ma ovviamente l’invidia vi fa sempre sputare nel piatto dove mangiate invece che aiutare realmente a far venire fuori questo mondo. Secondo me la sua esperienza può dare molto ad un corso universitario! Più di molte persone che conoscono solo per quello che hanno letto o vissuto da distante! Chi sa fa, chi non sa insegna! Per questo in Italia siamo sempre anni luce indietro a molti altri paesi! E comunque per quanto gira e per come è fatta la cattedra non le interessa per nulla. Quindi abbassate pure il pelo micette impaurite che la tigre nemmeno vi guarda e non vi porta via i vostri cuccioletti ben ammaestrati!
    Quindi la prossima volta informativi prima di pubblicare articoli casuali.
    PS e cercate di preoccuparvi di cose più serie tipo i parlamentari che hanno lauree comprate invece di preoccuparvi di chi può realmente accrescere la cultura dei giovani!

LASCIA UN COMMENTO