Assalti ai bancomat con esplosivi, presa la banda che colpiva a Genova

0
CONDIVIDI
Rapinatori fanno saltare bancomat poste a Sestri Ponente
Rapinatori fanno saltare bancomat e svaligiano banche a Genova: presi dai carabinieri di Torino
Rapinatori fanno saltare bancomat anche a Genova: due italiani arrestati dai carabinieri di Torino

TORINO. 16 AGO. Utilizzavano la tecnica della “marmotta” perché infilavano l’esplosivo all’interno dei bancomat per farli saltare.  Poi li ripulivano e quindi svaligiavano anche l’interno delle banche.

Numerosi i colpi in danno di istituti bancari della provincia torinese, ma anche a Genova. In alcuni casi, potrebbero avere preso di mira pure i Postamat. In tal senso, le indagini sono ancora in corso.

I carabinieri di Rivoli hanno presi i primi presunti componenti della banda specializzata in assalti notturni a sportelli automatici con gli esplosivi e travi di ferro, usate come ariete.

 

Al momento, si conoscono i nomi di due  arrestati per furto aggravato e ricettazione. Si tratta di Antonio Cataldo di 37 anni e di Leone Adriano di 30 anni, entrambi residenti a Rivalta di Torino.

I malviventi hanno sempre utilizzato auto rubate per raggiungere le banche da assaltare. Due di loro si occupavano di forzare la fessura di erogazione delle banconote, realizzando una profonda apertura, mentre il resto della banda sfondava con una trave di ferro la porta a vetri d’ingresso della banca adiacente al bancomat. Le rapine in genere venivano commesse di venerdì e sabato.

Per individuare ed acchiappare i presunti responsabili dei colpi, gli investigatori hanno utilizzato soprattutto le immagini delle telecamere di videosorveglianza della banche assaltate e i dati relativi al controllo del territorio, ossia le persone e i mezzi fermati prima e dopo i colpi.

Indagini in corso per individuare tutti gli altri componenti della “banda della marmotta”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO