ARTISTE PONENTINE PROTAGONISTE A CHERASCO

0
CONDIVIDI

Una foto di Anna Alberghina
Una foto di Anna Alberghina
SAVONA. 24 OTT. Grande successo di pubblico, e notevole interesse da parte della critica, sta suscitando a Cherasco la bella collettiva “African Style” che vede impegnati numerosi e validi artisti di livello internazionale. Fra di loro due conosciutissime figure del mondo creativo ponentino: la famosa scultrice alassina Renza Sciutto e la nota ceramista andorese Marian Heyerdhal.
La mostra è intitolata: “Dall’arte africana tradizionale all’arte contemporanea” ed è stata curata da Bruno Albertino e da Anna Alberghina. Ospitato nel Palazzo Salmatoris, l’evento proseguirà fino al 17 gennaio 2016.
“ La mostra- dicono i curatori- vuole offrire, attraverso la fusione di quattro nuclei artistici differenti, ma complementari, un ponte immaginario tra la grande scultura dell’Africa nera carica di forza, che ci riporta alle origini, e l’arte contemporanea africana ed occidentale”. Una prima sezione è rappresentata dalla collezione di arte africana tradizionale appartenente ai curatori della mostra, Bruno Albertino ed Anna Alberghina, medici torinesi, grandi viaggiatori e studiosi di arte africana. Accanto a questo materiale sono esposte una serie di fotografie artistiche, che documentano la vita di popoli africani custodi di tradizioni ancestrali. Le foto sono di Anna Alberghina, Tomas D.W. Friedmann e Phil Borges.
E’ presente anche un settore di arte contemporanea africana curato da Cesare Pippi.
Il quarto nucleo della rassegna è rappresentato dalle opere di alcuni importanti artisti contemporanei : Ugo Nespolo, Plinio Martelli, Titti Garelli, Renza Sciutto e Marian Heyerdhal, che presentano opere ispirate alla tradizione africana ed un contributo storico di Paolo Novaresio ed uno critico di Armando Audoli.
“ L’African style – concludono i curatori- è il complesso delle manifestazioni materiali ed immateriali che definiscono l’estetica africana,un modo di essere e vivere che si esprime principalmente nella scultura sacra e profana,negli ornamenti e nelle decorazioni corporee. L’African style è un sistema dinamico di valori sociali, estetici, funzionali e rituali,che ha profondamente influenzato l’arte ed il modo di vivere del mondo occidentale”. La Mostra è corredata da una serie di interessanti audiovisivi e da un bel catalogo che presenta il vasto materiale proposto e messo in evidenza dai vari nuclei contemplati dalle quattro esposizioni.
Per avere maggiori informazioni sugli artisti e sulla mostra è anche possibile contattare l’ ufficio stampa (Licia Innocenti) telefono 0172427052, o scrivere all’indirizzo di posta elettronica [email protected]
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO