Arrivano le foto di Helmut Newton al Ducale

0
CONDIVIDI
Arrivano le foto di Helmut Newton al Ducale

GENOVA. 10 SET. Dal 14 settembre 2016 fino al 22 gennaio 2017 a Palazzo Ducale vi sarà la mostra “Helmut Newton. Fotografie. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes” dedicata a Helmut Newton, uno dei fotografi più importanti e celebrati del Novecento.

Per la prima volta a Genova, saranno esposte oltre 200 immagini che hanno fatto la storia della fotografia. Helmut Newton, pseudonimo di Helmut Neustädter era nato a Berlino, 31 ottobre 1920 e morì a West Hollywood il  23 gennaio 2004, tedesco di nascita, ma naturalizzato australiano, si è appassionato alla fotografia fin da quando aveva 12 anni. Dopo la guerra comincia a fare scatti di moda e lavora con riviste come Playboy. Dalla fine degli anni cinquanta in poi si concentra soprattutto sulla fotografia di moda ed i suoi scatti appaiono su varie riviste tra Vogue, L’Uomo Vogue, Harper’s Bazaar, Elle, GQ, Vanity Fair, Max e Marie Claire. Il suo particolare stile è caratterizzato dall’erotismo patinato, a volte con tratti sado-masochistici e feticistici. La sua fama aumenta con la serie “Big Nudes” del 1980 che segna la vetta del suo stile erotico-urbano, sostenuto con un’eccellente tecnica fotografica. Crea inoltre molti ritratti e altri studi fotografici e incomincia a lavorare per Chanel, Gianni Versace, Blumarine, Yves Saint Laurent, Louis Vuitton, Borbonese e Dolce & Gabbana. è rimasto famoso in particolare per i suoi studi sul nudo femminile.

La mostra è curata da Matthias Harder e Denis Curti e organizzata dalla Fondazione per la Cultura di Palazzo Ducale Genova in collaborazione con Civita e la Fondazione Helmut Newton di Berlino, l’esposizione è frutto di un progetto, nato nel 2011 per volontà di June Newton, vedova del grande fotografo.

 

La rassegna raccoglie le immagini di White Women, Sleepless Nights e Big Nudes, i primi tre libri di Newton pubblicati alla fine degli anni ‘70, volumi oggi considerati leggendari e gli unici curati dallo stesso Newton.

Nel selezionare le fotografie, Newton mette in sequenza, l’uno accanto all’altro, gli scatti compiuti per committenza con quelli realizzati liberamente per se stesso, costruendo una narrazione in cui la ricerca dello stile e la scoperta del gesto elegante sottendono l’esistenza di una realtà ulteriore, di una vicenda che sta allo spettatore interpretare.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO