Arrestato il terzo senegalese del delitto di vico Biscotti

0
CONDIVIDI
Un posto di blocco notturno dei carabinieri: stanotte un idraulico genovese è stato sorpreso a girare per prostitute armato di coletto, denunciato
Carabinieri alla ricerca dei minori scomparsi a Varazze
Carabinieri arresto del terzo senegalese del delitto di vico Biscotti

GENOVA. 22 NOV. Nella serata di ieri 21 novembre i carabinieri hanno arrestato un altro senegalese, Mustapha Jarju, 21 anni. Era intento a giocare una schedina in un centro scommesse di via delle Fontane.

Secondo i primi accertamenti investigativi avrebbe partecipato, anche lui, all’omicidio nella notte del 12 novembre scorso quando Mohamed Abdulah, algerino di 39 anni è stato sgozzato con un coccio di bottiglia, nel cuore della movida.

Il giovane è stato preso in consegna dai militari della stazione di via Ponte Calvi. Al termine di un lungo interrogatorio durato più di quattro ore anche Mustapha Jarju, è stato fermato per il reato di concorso in omicidio volontario e trasferito nel carcere di Marassi.

 

Manca, ma si è sulle tracce dell’esecutore materiale del delitto, un connazionale di circa 30 anni, ma già identificato dalle forze dell’ordine. Mbodji e Jarju avrebbero immobilizzato l’algerino mentre veniva ucciso dal terzo uomo con un coccio di bottiglia. Si è quasi certi che si tratti di un regolamento di conti nell’ambito dello spaccio di droga nel centro storico. ABov

LASCIA UN COMMENTO