Arrestati i rapinatori della Coop di Prà. Video

1
CONDIVIDI
Arrestati i rapinatori della Coop di Prà

GENOVA. 8 NOV. Polizia e carabinieri hanno arrestato ieri sera, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, per rapina pluriaggravata, porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione in concorso, due genovesi di 28 e 32 anni.

La Squadra Mobile, nell’ambito delle indagini volte ad individuare gli autori di una serie di recenti rapine a mano armata nei confronti di supermercati e di un’agenzia di assicurazioni nel ponente cittadino, ha raccolto gravi elementi di responsabilità a carico dei predetti circa la rapina commessa il 22 ottobre scorso ai danni della Coop di Prà.

Elementi di colpevolezza si sono aggiunti, in un proficuo rapporto di collaborazione info-investigativa dei Carabinieri di Arenzano.

 

Nella circostanza i rapinatori, giunti sul posto a bordo di una Fiat 500 bianca rubata poco prima, con il volto travisato ed armati di pistola si erano impossessati di 1.810 euro in contanti; somma che, dopo le ricerche attivate, era stata interamente recuperata dagli agenti della Squadra Mobile all’atto del loro controllo.

In particolare le banconote, equamente divise tra i due complici, erano occultate in apposite tasche ricavate all’interno degli slip di entrambi.

Nelle ore successive era stata altresì rinvenuta dagli agenti l’autovettura usata per commettere la rapina, abbandonata in un’area non molto distante dai luoghi di residenza dei malviventi. A tradire uno dei due erano state anche le scarpe indossate al momento del controllo, identiche a quelle usate per commettere il delitto.

Al ventottenne è contestata, inoltre, la ricettazione di un motociclo Kymko Dink a bordo del quale sono stati rinvenuti degli oggetti utilizzati per la commissione della rapina a mano armata in danno del supermercato “Ekom” di via Prà del 27 settembre scorso.

Al termine degli atti di rito i due sono stati condotti nel carcere di  Marassi.

Sono in corso indagini condotte da Carabinieri e Polizia tese a riscontrare le responsabilità degli arrestati in relazione alla commissione di ulteriori episodi dello stesso tipo nella zona del ponente cittadino.