Ariston di Andora. Iniziata dal Comune pulizia e bonifica

0
CONDIVIDI
Il Comune entra nell'Ariston di Andora per la bonifica
Il Comune entra nell'Ariston di Andora per la bonifica
Il Comune entra nell’Ariston di Andora per la bonifica

SAVONA. 4 AGO. Ad Andora i proprietari dell’ Ariston non ottemperano alle ordinanze per la bonifica dell’area ed il Comune è entrato direttamente nella struttura ed ha iniziato le operazioni di pulizia dell’ex complesso turistico in stato di abbandono.

Ottenuto il permesso dalla Magistratura che ha posto sotto sequestro l’area, questa mattina, alle 9.30, gli operai comunali sono entrati nel complesso.

La pulizia è cominciata con la rimozione dei materiali che è possibile smaltire in discarica come ferro, plastica, vetro, legno ed elettrodomestici. L’operazione proseguirà fino alla rimozione completa dei rifiuti abbandonati. Già nei prossimi giorni, ci sarà l’ingresso di una ditta specializzata che rimoverà l’eternit e comincerà il censimento dei rifiuti

 

Nel corso dell’operazione di pulizia dei bungalow sono stati individuate e sgomberate numerose stanze allestite a dormitorio.

Il complesso versa in una situazione di estremo degrado: tutte le stanze sono devastate, alcune utilizzate come bagni o cucine da campo. Ovunque sporcizia di ogni genere, serramenti e porte rimosse, impianti elettrici sventrati e zone in cui sono stoccati materiali di cantiere e rifiuti accumulati dal probabile bivacco di senza fissa dimora.

Stoccate in una stanza a pianterreno anche alcune slot machine. Un labirinto di squallore suddiviso in tre edifici, dove un tempo c’erano, fra l’altro, una piscina coperta, una sala ristorante, una sala da ballo, un cinema, un teatro e negli ultimi anni un supermarket.
Il Comune si rivarrà con i proprietari per i costi dell’intera operazione che durerà, presumibilmente, qualche mese.

“Le ordinanze emesse a carico dei proprietari sono scadute ed i proprietari non hanno ottemperato. La situazione della zona è assai grave – annuncia il sindaco Mauro Demichelis che ha seguito il lavoro effettuato dagli operai – Ora, a norma di legge, il Comune agisce direttamente per la messa in sicurezza dell’area ed effettuerà tutte le operazioni necessarie e possibili. Gli uffici attendono la catalogazione dei rifiuti e si procederà con ogni mezzo per fare in modo che la zona non sia più accessibile a coloro che vi bivaccano o lo usano per stoccare la merce destinata al commercio abusivo”.

La pulizia della zona, segue ad un blitz effettuato domenica mattina nella zona dalla Polizia Municipale di Andora, guidata dal Comandante Ezio Setti, che ha portato al sequestro di un’ingente quantità di merce che era stata depositata nell’edificio, probabilmente in attesa di essere distribuita fra gli ambulanti. (nella foto: alcuni momenti dell’operazione condotta dal Comune).

LASCIA UN COMMENTO