Arenzano, bare in bella vista al cimitero, la denuncia di Robello

3
CONDIVIDI
Bare nel cimitero di Arenzano
Bare nel cimitero di Arenzano
Bare nel cimitero di Arenzano

GENOVA. 6 APR. Nelle ultime settimane i cittadini in visita ai propri cari al cimitero di Arenzano si sono trovati davanti uno spettacolo sgradevole.

Resti di bare e marmi accatastati, mucchi di residui di strutture mortuarie, spesso con ancora il nome dei defunti visibili, coperti solo da un telo bianco.

A segnalare la situazione di degrado è il consigliere comunale di Arenzano e Libertà Giacomo Robello: «Nell’ultimo periodo ho notato come nel perimetro del cimitero si trovino resti di bare, casse di zinco, arredi mortuari e marmi tombali, provenienti dall’estumulazione dopo l’avvenuta mineralizzazione delle salme. Mi sembra uno spettacolo spiacevole, soprattutto perché sono bene in vista i nomi e i cognomi dei defunti. Per questo, ho scattato qualche foto e ho presentato un’interrogazione al consiglio comunale, in attesa di una pronta risoluzione del problema».

 

La proposta di Robello è quella di sgomberare il prima possibile il territorio adiacente al cimitero, per poter restituire una dignità ai defunti e un sollievo ai parenti in visita.
La replica della giunta però non ha soddisfatto il consigliere: «Mi è stato risposto che esiste una legge specifica che regola questo tipo di cose e che stanno aspettando il bilancio per poter risolvere la situazione. Ritengo questo comportamento irrispettoso – conclude Robello – in primo luogo per i nostri defunti, e, in seconda analisi, per i parenti che ogni giorno si recano al cimitero a far visita ai propri cari. Senza contare le ingenti somme che le persone spendono per la tumulazione».

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO