Aree di Campi, apprensione della Filt Cgil

0
CONDIVIDI
Filt Cgil
Filt Cgil
Filt Cgil

GENOVA. 13 GEN. C’è apprensione fra i sindacati della Filt Cgil dopo aver appreso da notizie di stampa che il Comune di Genova avrebbe intenzione di destinare le aree di Campi, attualmente utilizzate come autoparco, ad altre attività.

La Filt Cgil è fortemente preoccupata per questa decisione che potrebbe avere ripercussioni occupazionali pesantissime sui circa 400 posti di lavoro che oggi gravitano intorno all’area.

La decisione del Comune infatti penalizzerebbe le aziende di trasporto che, in assenza di soluzioni alternative, potrebbero cercare nuove aree di parcheggio nel basso Piemonte, territorio che peraltro nel tempo ha affrontato la questione degli autoparchi destinati all’autotrasporto in modo molto più efficace rispetto a quello del capoluogo ligure.

 

“E’ un rischio – si legge in una nota sindacale – che la nostra città e i suoi lavoratori non si possono permettere. Per questo motivo la Filt Cgil chiede alle Istituzioni di farsi carico di tale problematica individuando in tempi rapidi un’area alternativa e idonea a tale scopo (ossia con strutture dedicate ai mezzi e servizi alle persone) a quella di Campi consentendo alle aziende del settore e conseguentemente ai loro dipendenti di effettuare in tempi rapidi e certi una corretta programmazione delle attività e di riorganizzazione del lavoro.

In caso contrario la Filt Cgil è sin d’ora disponibile ad intraprendere iniziative di mobilitazione congiuntamente con le aziende di autotrasporto interessate alle vicenda”.

LASCIA UN COMMENTO