Archivolto, presentata l’anteprima stagione 2016-17

0
CONDIVIDI
Presentata l’anteprima stagione 2016-17 dell’Archivolto
Presentata l’anteprima stagione 2016-17 dell’Archivolto
Presentata l’anteprima stagione 2016-17 dell’Archivolto

GENOVA. 15 GIU. Sono 26 i titoli presentati all’anteprima della Stagione 2016-17 del teatro Archivolto, a cui andranno ad aggiungersi altri appuntamenti e progetti, che completeranno il programma a settembre.

Tra i molti nomi già in cartellone troviamo Daniel Pennac, Neri Marcorè, l’inedita coppia Ugo Dighero / Maurizio Lastrico, Giancarlo De Cataldo, Michele Serra, ricci / forte, Stefano Benni, Ottavia Piccolo, Serena Dandini, Marina Massironi, Gioele Dix, la Banda Osiris con Telmo Pievani e Federico Taddia, Gianluigi Nuzzi, Giuliana Musso, gli Oblivion.

La stagione 2015/2016 si è chiusa con numeri particolarmente positivi: la maggior parte degli spettacoli proposti ha infatti registrato il tutto esaurito e la vendita degli abbonamenti ha segnato un eccezionale aumento del 40%. Anche gli spettacoli di produzione proposti in tournée in numerose città italiane (da Roma a Milano, da Venezia a Napoli, da Bologna a Torino, da Trieste ad Ancona) sono stati accolti ovunque con grande entusiasmo.

 

“Siamo ovviamente felici per questi risultati e profondamente grati al nostro pubblico: l’affetto e il consenso che continua a mostrarci ci aiuta anche a fronteggiare le difficoltà con la giusta determinazione” ha detto Pina Rando, direttrice del Teatro dell’Archivolto ringraziando gli enti e gli sponsor che affiancano il teatro  che anche quest’anno saranno il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Comune di Genova,  la Compagnia di San Paolo,  e ancora COOP, SAAR, Sampierdarena Olii S.r.l. e Silomar.

Ad ottobre l’Archivolto compirà 30 anni e per questo sarà festeggiato. Il dettaglio dei festeggiamenti è ancora in fase di definizione ma sicuramente ci saranno tre serate speciali, che saranno animate rispettivamente da Daniel Pennac (7 ottobre), Stefano Benni (14 ottobre) e Michele Serra (21 ottobre), affiancati sul palco da attori e musicisti che hanno a loro volta contribuito alla storia della compagnia.

Il programma prevede un mix di comicità d’autore, teatro civile, nuova drammaturgia, all’insegna della contaminazione con musica e danza. Il binomio teatro e letteratura rimane una cifra forte nelle scelte del direttore artistico Giorgio Gallione, che per quel che riguarda le nuove produzioni da lui firmate come regista propone Momenti di trascurabile in/felicità, tratto da i due fortunati libri di Francesco Piccolo, protagonista l’inedita coppia formata da Ugo Dighero e Maurizio Lastrico (dal 30 marzo al 8 aprile 2017). Carta Bianca De Cataldo (3 e 5 maggio) è invece un progetto dedicato al giudice scrittore, celebre per Romanzo Criminale e Suburra.

È invece dedicato al problema delle migrazioni il nuovo spettacolo di Giorgio Scaramuzzino Senza sponda (5 novembre), con cui il responsabile del settore teatro ragazzi dell’Archivolto porta avanti un percorso di teatro civile rivolto alle nuove generazioni.

Il 25 novembre si rinnova l’appuntamento con La notte degli scrittori, grazie alla collaborazione con Einaudi editori. Spazio alla commedia con Peperoni difficili di Rosario Lisma (8-9 novembre), che arriva a Genova dopo due stagioni di tutto esaurito al Teatro Franco Parenti che l’ha prodotto, e con Rosalyn (17-18 marzo) di Edoardo Erba, protagoniste Marina Massironi ed Alessandra Faiella per la regia di Serena Sinigaglia. E si ride anche con Serendipity, in compagnia di Serena Dandini e Germana Pasquero (10-11 marzo).

Affronta invece temi drammatici come la guerra e il valore della vita umana Giuliana Musso in Mio eroe (24 febbraio), mentre ci immerge negli abissi russo-ceceni di Anna Politkovskaja Donna non rieducabile, testo di Stefano Massini interpretato da Ottavia Piccolo (4 novembre). Visionari e provocatori, ricci / forte con Still life (3 marzo) denunciano il bullismo omofobico e le discriminazioni, mentre la compagnia Instabili vaganti, con una performance altrettanto fisica, in Made in Ilva ci parla di lavoro e brutalizzazione (11-12 aprile). Kronoteatro esplora feroci conflitti familiari in Pater familias (16-17 dicembre) mentre Gustavo Giacosa con Nannetolicus Meccanicus Santo (26-27 gennaio) ci trasporta nella poesia e nella follia di Oreste Nannetti, mentre la compagnia francese deFracto presenta Flaque, irresistibile performance di giocoleria acrobatica (7 dicembre).

FRANCESCA CAMPONERO

Per il programma completo visitare il sito: www.archivolto.it

LASCIA UN COMMENTO