Appesi a un filo a 3500 metri, ma Skyway dell’architetto genovese è ok

0
CONDIVIDI
Alpinista recchelino, residente a Sestri levante, disperso sul Monte Bianco

AOSTA. 8 SET. Appesi a un filo. Notte all’addiaccio, a 3500 metri di altezza, per 45 persone intrappolate negli “ovetti” sul versante francese delle Funivie du Mont Blanc, tra l’Aguille du Midi e Punta Helbronner. Domani mattina, i soccorritori dovrebbero liberarli.

Oggi pomeriggio c’è stata tanta paura per 110 fra alpinisti e turisti per un guasto ai cavi, ma il versante italiano della tratta non ha registrato problemi. Oltre la metà delle persone intrappolate sono state calate tirate fuori con delle funi e salvate con gli elicotteri. I soccorritori hanno portato coperte e viveri alle altre rimaste negli “ovetti”.

Il nuovo e già famoso Skyway sul versante italiano, che parte da Entreves, funziona alla perfezione. Dai 1300 metri della partenza ai 2170 del Pavillon, fino ai 3500 di Punta Helbronner, è stato disegnato e coprogettato dallo studio dell’architetto genovese Carlo Cillara Rossi, che è anche maestro di sci ed alpinista. Un impianto che la Francia ci invidia.

 

 

LASCIA UN COMMENTO