Appello del M5S: tuteliamo la Liguria dalle ecomafie

0
CONDIVIDI
I consiglieri regionali del M5S

GENOVA. 28 OTT. “Il MoVimento 5 Stelle non si arrende alle ecomafie. Sono centinaia in tutta Italia i roghi a impianti di riciclo, compostaggio, trattamento dei rifiuti. La Commissione Ecomafie va sensibilizzata su questo argomento di fondamentale importanza: con gli impianti che trattano i materiali differenziati fuori uso, si rischia che il meccanismo del riciclo vada definitivamente al collasso. Vogliamo provocare un malsano e degradante accumulo di rifiuti per le strade o dirottare tutto negli inceneritori a intossicare l’ambiente?”.

L’appello è stato lanciato oggi dal gruppo regionale M5S, che ha chiesto anche l’intervento del governatore Giovanni Toti.

“Una situazione che va risolta – denunciano i consiglieri regionali pentastellati – perché lo scioglimento del Corpo Forestale imposto da Renzi e la cancellazione della polizia provinciale da parte del presidente Toti hanno spalancato la strada alle ecomafie, agli ecoreati e all’indiscriminato sfruttamento del territorio.
La polizia provinciale al momento può contare solo su 24 agenti, uno ogni 225 chilometri quadrati: questo sarebbe proteggere il nostro ambiente? Invece le guardie ecologiche a La Spezia – parliamo di volontari – hanno chiesto da anni un confronto con la Regione, invano. Un territorio e una popolazione in ostaggio del dissesto idrogeologico, rimasti inascoltati.
Il MoVimento 5 Stelle da sempre difende l’ambiente, il territorio, la salute dei cittadini. La soluzione per migliorare questo decadente scenario non è ignorarlo, ma intervenire al più presto: presidente Toti, se tiene alla Liguria non lasci campo libero alle ecomafie”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO