Anziana rapinata da 4 rom, testimoni minacciati con i coltelli: presi

2
CONDIVIDI
Lo sgombero di un campo nomadi: 4 fratelli rom hanno aggredito e rapinato un'anziana ad Arenzano, difesa dai passanti che però sono stati minacciati con i coltelli
Lo sgombero di un campo nomadi: 4 fratelli rom hanno aggredito e rapinato un'anziana ad Arenzano, difesa dai passanti che però sono stati minacciati con i coltelli
Lo sgombero di un campo nomadi: 4 fratelli rom hanno aggredito e rapinato un’anziana ad Arenzano, difesa dai passanti che però sono stati minacciati con i coltelli

GENOVA. 4 APR. Due donne e due uomini rom di origini spagnole, ricercati in mezza Europa, sabato hanno aggredito e rapinato un’anziana ad Arenzano minacciando i testimoni con i coltelli. Poi sono fuggiti, ma sono stati acchiappati dai carabinieri a Santa Margherita, dove stavano per mettere a segno un’altra rapina violenta ai passanti.

L’inquietante episodio è avvenuto in pieno giorno nella tranquilla cittadina turistica del ponente genovese, dove si sono vissute scene da favelas. La rapina è avvenuta intorno alle 11, vicino alla chiesa.

Le due giovani rom hanno cominciato a importunare l’anziana chiedendole l’elemosina. Dapprima solo richieste, poi le mani addosso e quindi la rapina. Le due sono riuscite a sfilarle un braccialetto d’oro. Per fortuna, la pensionata non ha riportato ferite di rilievo, anche grazie a un giovane del posto e ad altri testimoni che sono prontamente intervenuti per difenderla. Uno di loro, tuttavia, è stato morsicato al braccio da una delle zingare, che poi ha lasciato cadere a terra il bottino.

 

La rapina sembrava finita lì, quando, dopo pochi secondi, è sbucata dal nulla un’auto con targa spagnola, dalla quale sono scesi due complici rom brandendo coltelli e minacciando i testimoni, tra cui anche due volontari della pubblica assistenza locale, appena usciti da un corso di aggiornamento a villa Mina. Le due nomadi sono salite in auto e il quartetto è fuggito.

Grazie alle telecamere dislocate sul territorio comunale e alla foto scattata da un altro testimone con lo smartphone, i carabinieri di Arenzano sono riusciti a risalire alla targa dell’auto dei fuggitivi, che è risultata appartenere a un rom e usata dai quattro fratelli nomadi di origini spagnole, ricercati in tutta Europa perché pericolosi.

I militari si sono subito messi sulle loro tracce, rintracciandoli e arrestandoli nel pomeriggio nei pressi di Santa Margherita Ligure, prima che i malviventi mettessero a segno un’altra rapina.

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO