Ansaldo Energia potrà usare lo “sbocco a mare”: firmato l’accordo

0
CONDIVIDI
Una turbina prodotta da Ansaldo Energia
Una turbina prodotta da Ansaldo Energia

GENOVA. 3 AGO. Da oggi Ansaldo Energia potrà utilizzare le banchine di Cornigliano per imbarcare e spedire via mare le maxi turbine che assemblerà nel capannone in costruzione nelle aree ex Ilva.

Questa mattina c’è stata la firma del cosiddetto “atto di couso” della banchina contigua all’area Ilva di Cornigliano, fra Ilva, Ansaldo Energia e l’Autorità portuale di Genova, con l’ammiraglio Pettorino.

La formalità ha segnato l’ultimo passaggio che ancora mancava dopo l’accordo dello scorso febbraio.

 

Ansaldo Energia, dopo aver acquisito l’area adibita a parcheggio dell’Ilva, ha già cominciato i lavori per costruire il capannone per l’assemblaggio delle nuove maxi turbine a gas che dovrebbe entrare in funzione entro la prossima estate.

Finora le turbine prodotte nello stabilimento di Genova-Campi erano assemblate e imbarcate a Marina di Massa.

LASCIA UN COMMENTO