Home Politica Politica Imperia

Anpi Sanremo denuncia presenza calendario Duce in un market

49
CONDIVIDI
’Anpi Sanremo denuncia presenza calendario Duce in un market

IMPERIA. 22 SET. Un calendario con l’immagine di Benito Mussolini esposto in un supermercato di Vallecrosia. Una turista che lo vede e ne denuncia la presenza all’Associazione partigiani.

La responsabile di Anpi Sanremo, Amelia Narciso, l’altro ieri ha quindi scritto alla direzione centrale della catena di supermercati  Crai, che rifornisce il punto vendita ligure, chiedendone l’immediata rimozione.

“Per gli antifascisti della nostra provincia: in questo minimarket CRAI di Vallecrosia, sulla via Aurelia – ha spiegato Anpi Sanremo su Facebook – questa estate un turista ha avuto la sgradita sorpresa di trovare alla cassa in bella mostra un calendario con le foto di Mussolini. L’Anpi, informata di ciò, si è attivata in vari modi affinché tale squallido reperto venisse rimosso e omaggiato, se proprio si voleva, nel privato e non in un esercizio pubblico; di tale fatto sono stati informati la sede centrale della CRAI, che vanta un proprio codice etico, oltre che le autorità preposte, ma risulta a tutt’oggi che nulla è cambiato, come comunicatoci da un ulteriore testimone…”.


Ora la presenza del calendario storico sta diventando un caso. Il responsabile del punto vendita ha replicato che si trattava solo di un regalo ricevuto e che se ne avesse avuti mille, li avrebbe venduti tutti.

 

49 COMMENTI

  1. E allora? È meglio un calendario con “donnine nude”? Ma x favore piantismola di fomentare ideologie ormai sorpassate! Non vi accorgete che lo fanno apposta x sviare le menti e non farci pensare a quello che ci stanno facendo??? Meditate gente, meditate!

  2. Vi consiglio di vedere il film “prima hanno ucciso mio padre”, solo per farvi un’idea di cosa sono stati i crimini del comunismo, crimini e regimi che per efferatezza e durata superano di gran lunga quelli del fascismo. Ciò non giustifica i fascismi né li assolve, semplicemente ci fa capire che la cattiveria, il sopruso, la sopraffazione sono cose degli uomini e non solo di alcuni uomini. Queste tragedie non possono essere rinnegate né camcellate, la storia é questa e va ricordata com tutte le sue storture e con tutti i suoi morti, buoni e cattivi. E mentre noi si discute su fatti di sessant’anni fa, il tuo dirimpettaio di negozio si suicida per debiti, l’operaio mio vecchio amico perde il cervello perche disoccupato e stermina la famiglia.

  3. Più si vieta più chi vuole lo fa di nascosto. Lo sanno anche quelli che hanno vissuto i tempi di Mussolini o quelli subito dopo. E sono quelli che dovrebbero avere la saggezza di tacere. E’ storia e come tale è cambiata. Non so nemmeno se in peggio o meglio.

  4. Certo che se voi dell’ANPI vi siete ridotti a questa caccia alle streghe siete proprio col culo per terra.. i partigiani lottavano a difesa del popolo contro il governo fascista e di occupazione voi che cosa fate? oltre a cercare i santini nei cessi? state sporcando la memoria di una storia già di per se contestata, state macchiando le bandiere colme di medaglie non sempre guadagnate, lo fate forse per poter ancora restare nella compagine politica o per quale altro motivo, visto che non servite a nulla?

    • ANPI non vi degnate neppure di rispondere o vi vergognata e sarebbe una ottima cosa, o vi credete superiori, ma non lo siete, ANPI Associazione Nazonale Presa In giro…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here