Home Cronaca Cronaca Savona

Animali e botti di Capodanno, un decalogo dell’Enpa

0
CONDIVIDI
Animali e botti di Capodanno, ringraziamenti Enpa ed un decalogo

SAVONA. 29 DIC. Ringraziamenti della Protezione Animali agli esercizi commerciali che anche quest’anno hanno deciso di non vendere petardi e fuochi artificiali ed ai numerosi comuni della provincia che li hanno vietati: Alassio, Albenga, Altare, Boissano, Borgio Verezzi, Giustenice, Magliolo, Millesimo, Rialto, Roccavignale, Spotorno, Toirano, Tovo San Giacomo, Villanova d’Albenga.

A Savona capoluogo “l’esplosione di petardi, in luoghi pubblici e privati non adibiti allo scopo o non autorizzati” è sempre vietata nell’articolo 48 del “Regolamento della convivenza civile e carta etica” del 2014, anche se gli animalisti savonesi speravano in un intervento esplicito della nuova sindaca.

Agli altri sindaci Enpa chiede di provvedere subito con ordinanza urgente, c’è ancora qualche ora di tempo; ma per evitare interventi anacronistici di qualche zelante prefetto o ricorsi al TAR (che a Roma ha annullato il provvedimento della sindaca Raggi) consiglia di inserire la norma nei regolamenti municipali con apposita delibera del consiglio comunale.


Gli ultimi minuti di quest’anno saranno infatti per gli animali momenti di paura quando scoppieranno i “botti”, con rumori assordanti che terrorizzano cani, gatti e uccelli, che hanno uno spettro uditivo (negli ultrasuoni) quattro volte più ampio dell’uomo.

La Protezione Animali Savonese diffonde in questi giorni un decalogo per affrontare il problema al meglio ma suggerisce fondamentalmente ai possessori di animali di trascorrere la notte di San Silvestro con loro e, se possibile, portarseli assieme al veglione, in modo da poterli tranquillizzare quando scoppieranno i botti di fine d’anno; viceversa tenerli ben chiusi e sotto controllo, lasciandoli in compagnia di un indumento o un oggetto che riporti l’odore o il ricordo dell’amato proprietario e, per  minimizzare l’impatto dei botti, accendere radio o tivù; nei casi più gravi consultarsi col veterinario di fiducia.

Ogni anno, nella provincia di Savona, almeno  una cinquantina di cani e gatti fuggono terrorizzati e in qualche caso non vengono più ritrovati o muoiono investiti dalle auto; senza contare i volatili che ormai vivono in città e che solo in parte si stanno abituando  (colombi, tortore, passeri, merli, storni, cornacchie, gabbiani, taccole, rapaci), alcuni dei quali vengono trovati morti o sono soccorsi dai volontari dell’Enpa il giorno dopo, per spavento o fatica nell’estemporanea fuga dai posatoi.

Per fortuna, anche quest’anno è in atto un prezioso lavoro di prevenzione da parte degli organi di polizia, a cui l’associazione rivolge vivo ringraziamento, invitando i cittadini a segnalare loro l’abuso dei fuochi artificiali e gli episodi che potrebbero coinvolgere persone ed animali.

Nella speranza che aumenti il numero dei comuni savonesi che proibiscono i botti, l’associazione invita tassativamente a non spararli in campagna o contro alberi, perché potrebbero provocare pericolosi incendi, come a Quiliano alcuni anni fa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here