Home Economia Economia Genova

Anche Fp Cgil contraria al trasferimento degli uffici regionali agli Erzelli

0
CONDIVIDI
Anche Fp Cgil contraria al trasferimento degli uffici regionali agli Erzelli

GENOVA. 23 MAG. Anche Fp Cgil esprime la propria contrarietà alla notizia di un ipotetico trasferimento degli uffici regionali ad Erzelli.

“Le rsu Fp Cgil della Giunta e del Consiglio della Regione Liguria . si legge in una nota – chiedono che l’opzione del trasferimento degli uffici regionali agli Erzelli venga respinta, ritenendo che questa intenzione abbia costi ingenti e ricadute negative, non solo sul personale regionale, ma soprattutto, sul funzionamento dell’intera macchina amministrativa ligure”.

A tale proposito vengono spiegati gli elementi di valutazione che la RSU tiene in considerazione a sostegno della propria tesi. :


Per primo ‘l’evidente spreco di denaro pubblico derivante da tale trasferimento, a fronte degli ingenti investimenti recentemente affrontati dalla Regione per l’acquisizione di altre sedi nel centro cittadino, quali la sede di Piazza De Ferrari – tra l’altro appena ristrutturata – e da ultimo, quella di Via Fieschi 17, verso la quale insiste un piano di trasferimenti del personale regionale attualmente in atto’.

‘Il decentramento degli uffici della Regione dal centro nevralgico del capoluogo creerebbe fortissimi disagi ai rappresentanti degli altri enti (Comuni, Città Metropolitana, Tribunale, ASL, Ospedali ecc.)’.

‘I cittadini, i quali spesso hanno la necessità di rapportarsi con gli uffici regionali, avranno difficoltà logistiche a raggiungere gli uffici stessi e l’aula consiliare, che è pubblica, in quanto troppo decentrati’.

Ed ancora ‘La conseguente inefficienza generata nell’organizzazione del lavoro degli uffici, che si troverebbero troppo distanti rispetto alla sede della Giunta e degli altri attori istituzionali con i quali la Regione più frequentemente collabora’.

Infine le Rappresentanze sindacali precisano che prendono “atto che il presidente Toti ha ormai consolidato l’abitudine di rispondere alle critiche con gli insulti, in questo caso bollandoci come i ‘soliti privilegiati’. Ricordiamo a Toti che i dipendenti della Regione sono coloro che garantiscono all’Ente che lui dovrebbe essere onorato di presiedere l’erogazione di tutti i servizi istituzionali. Sarebbe opportuno ascoltarli, consultandoli preventivamente sulle decisioni importanti come questa, piuttosto che denigrarli.

Gli ricordiamo, che in questi casi, il contratto di lavoro prevede regole precise a tutela dei diritti dei dipendenti che ovviamente, intendiamo fare rispettare con tutti gli strumenti a nostra disposizione”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here