Home Sport Sport Genova

AMICHEVOLE: WEST HAM-SAMPDORIA 3-2, BEFFA LONDINESE PER I BLUCERCHIATI

0
CONDIVIDI

west_ham_stadioLONDRA (UK) 10 AGO. Finisce in beffa l’amichevole londinese della Sampdoria. Il West Ham, sotto per ben due volte, trova la forza di ribaltare il risultato proprio negli ultimi istanti di gara, quando i rigore parevano la soluzione migliore per dirimere la faccenda di questa “Marathonbet Cup”. La prima edizione del trofeo va dunque agli Hammers di Sam Allardyce, malgrado i blucerchiati di Sinisa Mihajlovic – più indietro di condizione rispetto ai rivali – non abbiano affatto demeritato.
Sorpresa
. Salamon al centro della difesa accanto a capitan Gastaldello. Questa l’unica sorpresa di formazione da parte del mister serbo, granitico, invece, nella scelta del 4-3-3 anche sul prato del “Boleyn Ground”. De Silvestri e Cacciatore tamponano e ripartono sulle corsie laterali; Palombo funge da regista assistito ai fianchi da Soriano e Krsticic; in attacco le fasce sono affidate a Gabbiadini ed Eder, con Okaka – 25 anni oggi per lui: tanti auguri! – preferito a Bergessio nel ruolo di punta centrale.

Regalo. Malgrado il tifo di casa sia letteralmente sovrastato da quello ospite – sul migliaio i temerari sampdoriani arrivati sin qui – il West Ham parte forte, pressa alto e dopo 120 secondi impensierisce Da Costa con una girata di Collins sugli sviluppi di un calcio di punizione. Svanito il timore iniziale, il Doria prende le misure agli avversari e a ridosso del quarto d’ora trova il vantaggio: Cacciatore innesca Okaka sul filo del fuorigioco, il centravanti resiste al ritorno di Collins e, con il piatto destro, batte Adrian sul palo più lontano. Regalo di compleanno migliore non poteva farsi.

Rigore. Il primo tempo prosegue sornione e le occasioni migliori capitano ancora ai blucerchiati, al 30′ e al 35′: Krsticic, anziché tirare, prova a servire Gabbiadini e l’azione sfuma; poi Okaka manda sul fondo De Silvestri che centra arretrato per Eder il cui destro strozzato sibila a fil di palo (35′). Al 39′ l’ex laziale Zarate centra la barriera su calcio piazzato procurato dal neoentrato Potts, sulla respinta Kouyate trova i guantoni di Da Costa, bravo nel fermare in uscita bassa lo stesso senegalese qualche manciata di minuti più tardi. In pieno recupero De Silvestri tocca Potts in area, l’arbitro Madley dà rigore, Noble va sul dischetto e pareggia i conti: 1-1.


Lampo. Al pronti via della ripresa – con Obiang in campo per Krsticic -, Gabbiadini ha sul destro l’opportunità di riportarci avanti: il suo tiro viene respinto da Reid e gli carambola addosso, negandogli pure il corner. La risposta claret & blue non si fa attendere: al 7′ Kouyate calcia rasoterra da posizione defilata mettendo i brividi a Da Costa. Sulla sponda opposta si fa sul serio al 16′. Obiang imbecca, Palombo fa velo ed Eder s’infila veloce come un lampo nella retroguardia inglese: piatto destro e 1-2 Samp. Un gol dei suoi, d’astuzia e rapidità, che fa godere lo spicchio blucerchiato in terra d’Albione.

Bugiardo. Dopo aver gonfiato la rete, il brasiliano lascia il posto a Sansone mentre Okaka e Gastaldello vengono rimpiazzati da Bergessio e Costa (con Cacciatore che si accentra per lasciare l’out al numero 3). Proprio da quella parte Diame cambia marcia al 22′, vince il duello con Cacciatore, si beve Palombo e prende in controtempo Da Costa: 2-2 e palla al centro. Il pareggio galvanizza gli Hammers, sfortunati nel cogliere una traversa su colpo di testa di Downing e imprecisi con Potts sulla ribattuta. Tra un tiro di Nolan e un altro di Vaz Te, Mihajlovic cambia ancora: fuori Palombo, Soriano e Gabbiadini, dentro Campaña, Rizzo e Fedato. Le sostituzioni creano qualche grattacapo alla retroguardia doriana che al 45′ in punto resta ferma e subisce la beffa per mano di Burke. Risultato bugiardo ad Upton Park.

West Ham 3
Sampdoria 2

Reti: p.t. 16′ Okaka, 47′ Noble rig.; s.t. 16′ Eder, 32′ Diame, 45′ Burke.
West Ham (3-5-2): Adrian; Tomkins, Collins (31′ s.t. Burke), Reid; Downing, Noble (40′ s.t. Poyet), Nolan, Kouyate (12′ s.t. Diame), Cresswell (33′ p.t. Potts); Zarate (1′ s.t. Vaz Te), Cole (31′ s.t. Lee).
A disposizione: Jaaskelainen, Cullen.
Allenatore: Samuel Allardyce.
Sampdoria (4-3-3): Da Costa; De Silvestri, Salamon, Gastaldello (27′ s.t. Costa), Cacciatore; Soriano (38′ s.t. Rizzo), Palombo (38′ s.t. Campaña), Krsticic (1′ s.t. Obiang); Gabbiadini (38′ s.t. Fedato), Okaka (23′ s.t. Bergessio), Eder (23′ s.t. Sansone).
A disposizione: Massolo, Duncan, Fornasier, Wszolek.
Allenatore: Sinisa Mihajlovic.
Arbitro: Madley (ENG)
Assistenti: Child (ENG) e Hatzidakis (ENG)
Quarto ufficiale: Avent (ENG).
Note: recupero 2′ p.t. e 2′ s.t.; spettatori 13.693; terreno di gioco in perfette condizioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here