Amatrice, funerali: Uomo dell’appennino non ti abbandoneremo

0
CONDIVIDI
Amatrice, funerali: Uomo dell’appennino non ti abbandoneremo
Amatrice, funerali: Uomo dell’appennino non ti abbandoneremo
Amatrice, funerali: Uomo dell’appennino non ti abbandoneremo

AMATRICE. 30 AGO. Oggi è giornata di lutto nazionale in quanto si svolgono i funerali delle vittime del terremoto che ha devastato il centro Italia.

I funerali si stanno svolgendo ad Amatrice dopo le proteste dei familiari delle vittime per l’ipotesi che fossero celebrati a Rieti.

Sono 37 le vittime del terremoto per le quali si celebrano oggi i funerali che si svolgono sotto due grosse tensostrutture nel cortile del complesso Don Minozzi, tensostrutture che sono state allestite, sotto una pioggia battente, dai volontari della Protezione Civile.

 

A celebrare il rito funebre è il vescovo di Rieti Domenico Pompili, l’ex vescovo dell’Aquila Molinari e il vescovo di Ascoli Giovanni D’Ercole.

Proprio vescovo di Rieti Domenico Pompili, ha letto a gran voce i nomi delle vittime, un elenco per la cui lettura sono stati necessari otto minuti, un elenco salutato al termine con un forte applauso.

Fiori e palloncini bianchi, per le due bare bianche poste sul sagrato della struttura di Amatrice.

“Abitiamo – ha proseguito il vescovo – una terra verde, una terra di pastori”, poi parlando di Geremia e di Rachele ha concluso: “… non ti abbandoneremo uomo dell’appennino… non ti lasceremo… dell’alba ancor ti stupirai”.

Presenti anche il premier, Matteo Renzi, e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, oltre ai presidenti della due Camere, Grasso e Boldrini.

“Questa – ha detto il parroco del Paese don Fabio Gammarrota – è la cosa più giusta e logica da fare (in riferimentolle polemiche di ieri ndr), il popolo resterà qui e rappresenterà il pungolo per le istituzioni affinché mantengano le promesse fatte a questa gente”.

Nel frattempo le vittime accertate per il terremoto sono 292, con le due estratte oggi dalle macerie ad Amatrice, di cui 231 ad Amatrice, 11 ad Accumoli e 50 ad Arcuata.
Gli assistiti nelle tende sono circa 2900, mentre sui dispersi la Protezione civile non dà cifre e resta ai 10 indicati dal sindaco di Amatrice. (nella foto: vescovo di Rieti Domenico Pompili ad Amatrice celebra il rito funebre per 32 vittime del terremoto).

LASCIA UN COMMENTO