Altro abbaglio di pm e GdF: sponsor Sestrese non erano falsi

0
CONDIVIDI
Sequestro di persona a Rapallo, chiesti 33 anni per 5 cinesi
Caso Sestrese Calcio, ssolto Romolo Marzi: non ha commesso il reato di false fatturazioni
Caso Sestrese Calcio, assolto Romolo Marzi: non ha commesso il reato di false fatturazioni

GENOVA. 16 MAG. Ancora un abbaglio di taluni pm genovesi e della GdF. La verità della Giustizia è venuta fuori, ma solo dopo sei anni di calvario e battaglie a colpi di carte bollate.

Il Tribunale, in sostanza, nelle scorse settimane ha stabilito che gli sponsor della Sestrese Calcio non erano falsi. Pertanto, ha assolto il super consulente ed imprenditore Romolo Marzi, che a fine 2009 era stato indagato per le presunte false sponsorizzazioni a favore della società sportiva di cui era vice presidente (arrivò in serie D).

Secondo il giudice, non si può affermare con certezza che l’imputato avesse commesso il reato di false fatturazioni. In precedenza, già la Suprema Corte di Cassazione aveva dato ragione a Marzi, disponendo l’annullamento del sequestro preventivo dei beni dell’indagato.

 

E’ una sconfitta per taluni pm e Guardia di Finanza, che ancora una volta hanno fatto un buco nell’acqua. Invece, è una vittoria per l’avvocato Mario David Mascia, che ha tenacemente difeso il suo assistito. La procura non ha presentato ricorso e la sentenza è diventata definitiva.

 

LASCIA UN COMMENTO