Alluvioni, un selfie per 300 milioni di fondi

0
CONDIVIDI
selfie Toti
selfie Toti
Dissesto idrogeologico, il selfie di Toti con Doria e Galletti: per Genova stanziati 315 milioni

GENOVA. 4 NOV. Da Roma arrivano 275 milioni, più i 40 della Regione, per le opere necessarie alla prevenzione del dissesto idrogeologico e Giovanni Toti, insieme a Marco Doria, si fanno un selfie con il ministro all’Ambiente Gianluca Galletti. La foto del terzetto, pubblicata oggi online, testimonia la soddisfazione di sindaco e governatore che stamane hanno partecipato alla riunione romana, dove c’è stata la firma all’Accordo di programma”Italia Sicura”.

La Liguria con i 315 milioni, risulta la regione più “premiata” dal governo Renzi dopo Lombardia (145 milioni), Veneto (109 milioni) e Toscana (106 milioni). I fondi saranno utilizzati, principalmente, per completare le opere sul Bisagno: scolmatore e terzo lotto di copertura. I lavori si dovrebbero concludere nel 2023.

“Un finanziamento del genere – commenta Doria – che mette concretamente a disposizione finanziamenti per opere di messa in sicurezza del territorio del capoluogo ligure, è senza precedenti nella storia recente di Genova”.

 

Nonostante il selfie sorridenti, non si placano le polemiche fra Toti e Doria sul Piano casa regionale e soprattutto sullo stop al Piano Urbanistico Comunale di Genova, con le prescrizioni previste da via Fieschi. Anche il vicesindaco Stefano Bernini è intervenuto sulla delicata vicenda: “Faremo le nostre deduzioni alle prescrizioni della Regione sul nostro Puc, indicando la contrarietà del Comune. Ci riserviamo di fare ricorso al Tar nelle prossime settimane, ossia successivamente al secondo passaggio del documento presso la giunta Toti”.

“La giunta regionale – replica il governatore – ha approvato il Piano urbanistico comunale con alcune riserve. Abbiamo confermato le prescrizioni che non consentono le realizzazioni in aree esondabili della città, mi sembra una cosa di assoluto buonsenso, mi auguro che nessuno pensasse che potessimo approvare interventi in violazione delle normative vigenti e della sicurezza dei cittadini”. Fabrizio Graffione

LASCIA UN COMMENTO