Home Politica Politica Genova

ALLUVIONE. RIXI: “PROTEZIONE CIVILE SENZA UN DIRIGENTE”

0
CONDIVIDI
Protezione civile e studenti: Tursi ha firmato l'intesa con l'Ufficio scolastico regionale per insegnare i comportamenti da tenere in caso di eventi a rischio

protezione civileGENOVA. 13 OTT. Il consigliere regionale della Lega Nord Liguria, Rixi, punta il dito contro la mancanza di un dirigente a capo del settore preposto al sistema di allerta. “Un dirigente ogni 13 dipendenti, ma nessuno alla Protezione civile. Premi di “retribuzione di risultato” di migliaia di euro distribuiti a pioggia: i soldi per i bonus si trovano sempre”.

«Se il sistema di allerta prima e di coordinamento delle operazioni sul territorio poi hanno fatto acqua da tutte le parti – molto peggio di quanto accaduto nel 2011 – probabilmente si deve anche all’assenza, da qualche anno, di un dirigente preposto al settore Protezione civile che fa capo direttamente alla “super manager” Gabriella Minervini, già impegnata nella regia del dipartimento Ambiente.

Di fatto, se per gli altri settori del dipartimento c’è un dirigente preposto, non c’è per il settore forse più strategico dell’Ambiente, guarda caso proprio quello alla Protezione civile.


Eppure in Regione Liguria non mancano di certo i dirigenti: uno ogni 13 dipendenti. Perché allora non trovarne uno da dedicare esclusivamente alla Protezione civile? Nessuno all’interno dell’ente è in grado di assolvere questo compito? La giunta Burlando dovrà chiarire anche questo aspetto e spiegare perché ha preferito destinare questo delicato incarico a chi ha già in mano l’intero coordinamento del dipartimento Ambiente.

Una scelta fatta in nome del risparmio? La scusa, se fosse questa, non potrebbe reggere. È noto infatti come non si sia lesinato nell’elargizione di premi ai super manager della Regione Liguria sotto forma di “retribuzione di risultato”, guarda caso ottenuti tutti con il massimo dei voti e corrispondenti a bonus tra i 24 e i 28 mila euro l’anno, che si sommano a retribuzioni annuali già a sei cifre. A ragion del vero, il dipartimento Ambiente era quello che aveva ottenuto il punteggio di valutazione per obiettivi minore rispetto agli altri. Ma niente paura: è stato compensato dal punteggio di valutazione dell’attività complessiva, che ha fatto sì che fosse centrata la percentuale di quota aggiuntiva di retribuzione annua. Insomma: anche per il 2013 premi di risultato salvi per tutti i dirigenti. E il risultato oggi è sotto gli occhi di tutti, genovesi e non. Non rimane che dire: complimenti per il lavoro svolto».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here