Alluvione 2014, assolta Paita (Pd): per ora nessun colpevole

3
CONDIVIDI
Alluvione 2014, assolta l'ex assessora regionale e attuale capogruppo regionale del Pd Raffella Paita

GENOVA. 21 OTT. Alluvione del 9 ottobre 2014. Per ora nessun colpevole. L’ex assessora regionale e attuale capogruppo regionale del Pd Raffaella Paita stamane è stata assolta in primo grado dal gup Ferdinando Baldini. L’imputata è stata giudicata col rito abbreviato.

Raffaella Paita, in lacrime dopo la sentenza, era accusata di omicidio colposo e disastro colposo: “Sono stati due anni terribili, anche se ho avuto sempre fiducia nella giustizia”.

Durante l’esondazione del Bisagno e il tragico evento di due anni fa a Genova, morì l’infermiere Antonio Campanella. L’alluvione provocò milioni di euro di danni.

 

I pm Patrizia Ciccarese e Gabriella Dotto avevano chiesto una condanna a 2 anni e 8 mesi di reclusione. Non si sa ancora se la procura presenterà ricorso.

Raffaella Paita si era sempre proclamata innocente. In sostanza, aveva spiegato che come assessora era presente, ma non aveva la facoltà di emanare lo stato di allerta. Un compito che invece spettava agli uffici. Paita non avrebbe potuto obbligare la dirigente regionale Gabriella Minervini a dare l’allerta, né si sarebbe potuta sostituire a lei.

Per la Minervini (imputata con rito ordinario) la prima udienza del processo è stata fissata al 14 marzo.

 

 

 

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO