Allerta meteo: no al recupero per i giorni di scuola persi

1
CONDIVIDI

SAVONA. 15 SET. Nessun recupero per i giorni di scuola persi per allerta meteo: la proposta di Alassio. In occasione dell’allerta meteo idrogeologica diramata il 14 settembre, che ha comportato la chiusura dei plessi scolastici al secondo giorno di scuola, considerato che purtroppo esiste la probabilità che tali eventi possano nuovamente verificarsi, Monica Zioni, Vice Sindaco di Alassio con incarico alle Attività Educative, rivolge un appello all’Amministrazione Regionale e al Provveditore – e in particolare all’Assessore Regionale con delega alla Scuola, Ilaria Cavo e al Dott. Aureliano Deraggi affinché si debba ritenere fatta salva comunque la validità dell’anno scolastico, anche qualora abbia comportato il mancato rispetto dei fatidici 200 giorni di scuola, considerando la chiusura straordinaria delle scuole un evento dovuto alla allerta meteo finalizzata alla tutela della pubblica incolumità e del patrimonio, e l’ordinanza di chiusura adottata dai sindaci per cause di forza maggiore,

“Al ricorrere di queste situazioni si deve ritenere che è fatta comunque salva la validità dell’anno scolastico”, dichiara Monica Zioni. “Anche se la causa di forza maggiore, consistente in eventi non prevedibili e non programmati, abbia comportato in concreto la discesa dei giorni di lezione al di sotto del limite dei 200, per effetto di ordinanze sindacali di chiusura delle scuole.

“Numerosi Provveditori e USR si sono espressi in tal senso. Questa soluzione consentirebbe di non apportare continue modifiche al calendario scolastico e di non arrivare al termine delle lezioni per recuperare i giorni in esubero che concessi in quel periodo hanno poco senso. Siamo certi che, come sempre, troveremo ascolto e comprensione da parte dell’Amministrazione Regionale e del Provveditore per trovare una soluzione condivisa”, conclude il Vice Sindaco Monica Zioni.