Allarme squalo nelle acque di Portofino: lungo 2 metri e mezzo

6
CONDIVIDI
Il Grande Squalo Bianco pescato nelle acque al largo di Camogli nel 1954
Il Grande Squalo Bianco pescato nelle acque al largo di Camogli nel 1954
Il Grande Squalo Bianco pescato nelle acque al largo di Camogli nel 1954

GENOVA. 23 MAG. Come nei vari sequel del film “Jaws” Lo Squalo. Ieri nelle acque fra Santa Margherita e Portofino è stata avvistata la pinna “presumibilmente di uno squalo” ed è scattato l’allarme.

Il litorale delle perle del Tigullio non è come quello di Cape Town o Adelaide, dove il Grande Squalo Bianco la fa da padrone ed è il terrore di bagnanti e surfisti, ma c’è da stare attenti.

In quel punto, anni fa, erano stati avvistati altri squali, che seppur non Great White (i quali hanno una lunghezza fra i 4.5 e i 6 metri, anche se ne sono stati avvistati di 8 metri) sono in grado di attaccare e possono essere pericolosi. Nel 1954 al largo di Camogli ne era stata pescato uno.

 

Le dimensioni della pinna avvistata ieri “fanno pensare ad uno squalo lungo circa due metri e mezzo”. Pertanto, non dovrebbe essere il temutissimo Grande Squalo Bianco.

Forse è uno squalo grigio o un volpe o un vacca, oppure una grossa verdesca (abbastanza comune nell’area della riserva marina di Portofino).

Sul posto sono intervenuti anche un vigile urbano e gli uomini della Capitaneria di Porto. Difficile, ma non impossibile, che i testimoni si siano sbagliati scambiando la pinna per quella di un enorme pesce Luna.

 

6 COMMENTI

  1. Caspita che novità sarà stata una verdesca che seguiva le migrazioni stagionali di sgombri e sugarelli oppure uno squalo volpe, comunque nel mar ligure fino agli arcipelaghi toscani sono sempre stati popolati da squali ma non ci sono mai stati attacchi verso l’uomo

LASCIA UN COMMENTO