Allarme mucca pazza? Seconda vittima nel Salento

0
CONDIVIDI
Un nuovo caso a Lecce di morbo della mucca pazzaCreutzfeldt-Jakcob
Un nuovo caso a Lecce di morbo della mucca pazzaCreutzfeldt-Jakcob
Un nuovo caso a Lecce di morbo della mucca pazzaCreutzfeldt-Jakcob
L'Asl di Lecce
L’Asl di Lecce

LECCE. 6 AGO. Un uomo di 67 anni di Giuggianello, in provincia di Lecce, è morto per il morbo di Creutzfeldt-Jacob, quello della cosiddetta mucca pazza. A darne notizia è l’Asl di Lecce.

Successivamente la causa del decesso, avvenuto nella propria abitazione, è stata confermata dall’esame autoptico del tessuto cerebrale che è stato inviato in un centro di Bologna per l’individuazione della variante della malattia.

Quello di oggi è il secondo caso nel Salento, in una settimana, di persone morte per il morbo della cosiddetta mucca pazza e la gente comincia ad avere paura.

 

La malattia di Creutzfeldt-Jakob, CJD, è la forma più frequente di encefalopatia spongiforme umana trasmissibile, con un’incidenza che raggiunge approssimativamente 1,5 su 1.000.000 abitanti.

Circa l’85 per cento dei casi sono sporadici, il 10 per cento sono genetici, mentre il 5 per cento sono iatrogeni.

I periodi di incubazione sono lunghi e totalmente silenti e la malattia è sempre fatale. La CJD causa degenerazione del sistema nervoso centrale, senza provocare una reazione immune o infiammatoria, e si associa all’accumulo di una isoforma anomala della proteina dei prioni (PrP).

La forma variante di CJD, la vCJD, è l’unica forma di CJD associata all’encefalopatia spongiforme bovina, BSE, o morbo della mucca pazza.

I primi casi di vCJD sono comparsi nel Regno Unito, dove la malattia è più frequente. A differenze della forma sporadica, la vCJD colpisce, di solito, i soggetti più giovani, età media 30 anni, con una durata minima di 15 mesi.

La sindrome clinica è caratterizzata da deficit polisettoriali prevalentemente corticali con perdita di memoria, cambiamenti di personalità, allucinazioni, disartria, mioclono, rigidità posturale e convulsioni. (nelle foto: un tessuto cerebrale colpito dal morbo di Creutzfeldt-Jacob, quello della cosiddetta mucca pazza e l’Asl di Lecce).

 

LASCIA UN COMMENTO