Alla Bombardier ritorna la Cassa integrazione

0
CONDIVIDI
Vado, Bombardier non chiude ma conferma la procedura di licenziamento
Nuovi treni dei costruzione Bombardier
Nuovi treni di costruzione Bombardier

VADO LIGURE. 8 NOV. «Alla Bombardier di Vado Ligure, aspettando la formulazione della gara di Trenitalia per la costruzione dei treni regionali si ricomincia ad usare la Cassa integrazione.» Lo spiega Andrea Pasa, segretario generale di Fiom Cgil Savona.

Il 6 novembre nella sede di Confindustria, le segreterie provinciali di Fim Fiom e Uilm insieme alla rappresentanza sindacale unitaria hanno sottoscritto un accordo di proroga della cassa integrazione ordinaria a copertura del periodo da novembre a febbraio. «Cassa integrazione – si legge in una nota scritta della Fiom Cgil Savona – è necessaria per tutelare il reddito dei lavoratori interessati e garantire continuità occupazionale in un momento di grande difficoltà.»

La nota dei sindacati così prosegue : «Nella giornata di giovedì 12 novembre a seguito della richiesta di incontro che avevamo inviato alla Regione Liguria, saremo ricevuti dall’assessore al lavoro Berrino, al fine di poter gettare le basi per un percorso di ammortizzatori sociali conservativi in attesa della gara per i treni Regionali da parte di Trenitalia.

 

Incontro importantissimo che ha come obbiettivo la ricerca di soluzioni che possano traguardare il periodo di scarico dello stabilimento e utile per poter ragionare di quali strumenti poter mettere in campo alla luce dei tagli che il Governo ha effettuato sulla cassa integrazione nel decreto dello scorso 24 settembre all’interno del Jobs act, che ha ridotto la cassa integrazione straordinaria da 36 mesi a 24 mesi».ABov.

LASCIA UN COMMENTO