Alla Berio presentazione di “Il Farinelli ritrovato”

0
CONDIVIDI
Il Farinelli Ritrovato
Il Farinelli Ritrovato
Il Farinelli Ritrovato
Angelo Manzotti, Il Farinelli
Angelo Manzotti, Il Farinelli 

Alla Berio presentazione di “Il Farinelli ritrovato”

GENOVA. 30 OTT. Domani pomeriggio sabato 31 ottobre alle ore 16,30 presso la Biblioteca Berio avrà luogo la presentazione di un libro di particolare interesse Il Farinelli Ritrovato di Luigi Verdi, uno dei massimi musicologi italiani.
Questo libro è il risultato degli Atti del Convegno di Studi che si è tenuto a Bologna nel 2012 con Luigi Verdi, curatore, insieme a una grande cerchia di studiosi.

Il fenomeno, tutto italiano, di grande espansione nel ‘700 degli evirati cantori, produceva dei cantanti di arte suprema e vocalità stupefacente. Uno dei più famosi, ma non solo, è stato Carlo Broschi detto il Farinelli. Il cantante nacque ad Andria (allora nel Regno di Napoli) in una famiglia agiata della noblesse de robe locale; il padre Salvatore, che ricopriva cariche amministrative feudali, fu un grande appassionato di musica e volle indirizzare entrambi i figli a professioni del settore, facendo studiare Riccardo, il maggiore, da compositore e Carlo da cantante. Fu il fratello Riccardo a volere per Carlo la castrazione, eseguita poco dopo la morte del padre, avvenuta nel 1717. La castrazione è un’operazione chirurgica che consente ai maschi di poter conservare la propria voce di soprano o contralto prima che lo sviluppo possa modificarla. Il giovane fu mandato a Napoli, per studiare canto con Niccolò Porpora che curò l’affinamento del suo naturale talento di soprano. In effetti la sua tessitura vocale potrebbe più correttamente essere definita di mezzosopranista molto esteso, sia verso il basso, fino a tessiture da contralto profondo, sia verso l’alto dove arrivava, nei vocalizzi, a toccare il do5, nota da sopranista effettivo. Le fonti consultate ci dicono che questo cantante, non solo possedeva una voce straordinaria ma, grande musicalità, intelligenza e personalità.

Sabato, insieme al maestro Verdi, sarà presente anche uno dei più grandi sopranisti italiani, quei cantanti che oggi, con un grande studio sul falsetto-petto, cantano il repertorio dei castrati: si tratta di Angelo Manzotti che interverrà per parlare del fenomeno dei controtenori e sopranisti/contraltisti, in questi ultimi anni.

 

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO