Alessandro Magnasco e gli anni della maturità a Palazzo Bianco

0
CONDIVIDI
Alessandro Magnasco Il Pittor Pitocco Luxoro
Alessandro Magnasco Il Pittor Pitocco Luxoro
Alessandro Magnasco Il Pittor Pitocco Luxoro

GENOVA. 27 FEB. Palazzo Bianco ospita dal 25 febbraio Alessandro Magnasco – gli anni della maturità, una mostra centrata sulle opere più belle della produzione tarda di uno dei pittori italiani che, per le sue scelte artistiche decisamente anticonformiste, risulta tra i più interessanti e importanti del suo tempo anche perché ha precorso aspetti della pittura a lui successiva.

Grazie alla collaborazione eccezionale fra la Galerie Canesso di Parigi e i Musei di Strada Nuova di Genova, città natale dell’artista, l’esposizione raduna oltre venti opere di Alessandro Magnasco (1667 – 1745), provenienti da raccolte pubbliche e private italiane e straniere.

La mostra, che ha inaugurato alla Galèrie Canesso a Parigi il 24 novembre 2015, si sposta ora a Genova, ai Musei di Strada Nuova – Palazzo Bianco, fino al 5 giugno 2016, arricchita di due importanti opere, che a Parigi non erano state prestate, e di uno specifico allestimento curato dal maestro Pier Luigi Pizzi.

 

La curatela scientifica dell’iniziativa è di Fausta Franchini Guelfi, la più importante studiosa dell’artista, che è stata affiancata da un comitato scientifico composto anche da Piero Boccardo, direttore dei Musei di Strada Nuova, e da Maurizio Canesso e Véronique Damian della Galerie Canesso.

Le collezioni civiche genovesi concorrono all’esposizione con quattro loro opere, tra le quali Il pittor pitocco del Museo Giannettino Luxoro e, soprattutto, il celeberrimo Trattenimento in un giardino di Albaro, considerato il capolavoro assoluto dell’artista, che invece appartiene alle collezioni dei Musei di Strada Nuova.

Con l’arrivo del dipinto del Palazzo Reale di Pisa e di quello del Musée du Louvre di Parigi (in deposito perpetuo al MAHJ, Musée d’art et d’histoire du Judaïsme)  l’edizione genovese della mostra comprende 23 capolavori dell’artista: i due prestiti che si aggiungono risultano di particolare importanza dato che permettono di ricomporre due coppie di opere en pendantSant’Agostino e l’angelo e Sant’Antonio da Padova predica ai pesci; Offerta a Plutone e Funerale ebraico – che la storia del collezionismo ha diviso, sicché questa sarà l’unica occasione per rivederle insieme.

L’allestimento del maestro Pizzi, scenografo e regista ben conosciuto anche per memorabili messe in scena di mostre (Seicento al Grand Palais a Parigi; Le arti a Napoli al Museo di Capodimonte a Napoli; Magnificenza dei Medici a Palazzo Pitti a Firenze; El Siglo de los Genoveses al Palazzo Ducale di Genova), è reso possibile dalla generosità della Galerie Canesso, e intende esaltare, in particolare per ciò che riguarda la luce, le opere di un artista che ha giocato molta della sua pittura sul contrasto tra pennellate luminose di colore e cupi sfondi: una sorta di parafrasi visiva del passaggio fra l’Età Barocca e il Secolo dei Lumi.

Artista dall’opera originale, Alessandro Magnasco è stato riscoperto all’inizio del XX secolo ed è considerato, per certi versi, un precursore di Goya (1746 – 1828), degli Espressionisti e uno dei padri del gusto per il fantastico ed il macabro. In ogni caso, la sua opera ricca e variata non si può definire solo attraverso queste caratteristiche.

La Galèrie Canesso (www.canesso.com), attiva dal 1980 nel settore della pittura antica italiana, organizza mostre dedicate a opere eseguite fra il XV e il XVIII secolo da artisti italiani, o stranieri che abbiano risieduto in Italia.

LASCIA UN COMMENTO