Home Non Classificati

ALCUNE OPERE DI URS LUTHI AL MUSEO DI VILLA CROCE IN GENOVA

0
CONDIVIDI

acoue-Labarthe, professore emerito all’Università di Strasburgo e tra i maggiori filosofi francesi contemporanei, a cura di Tiziano Santi per l’edizione Il Melangolo, 2006. In concomitanza verranno esposte alcune opere di Urs Lüthi tra cui gli autoritratti di Trash & Roses, 2005, una sequenza da Un’isola nell’aria, 1975, un grande autoritratto degli anni Settanta, pezzo unico, e due autoritratti più recenti. Il discorso verte sull’artista svizzero Urs Lüthi, nato a Lucerna nel 1947 e attivo tra Monaco di Baviera e Kassel, nella cui Kunsthochschule der Universität insegna dal 1994. In trent’anni di attività creativa ed espositiva sull’area di fotografia, pittura, performance, installazione, video, grafica, oggetti, si connota come autore di una mitologia individuale ora sottilmente ironica, talvolta profondamente amara e disincantata, sempre perdutamente erotica. La sua figura non cessa di portare il segno, come lui stesso dichiara, dell’ambivalenza. In questa luce lo abbiamo incontrato nel 2000, al Lenbachhaus di Monaco, con il ciclo di opere Placebos et Surrogates, l’anno successivo, con il ciclo di opere Art for a Better Life, nel padiglione svizzero della 49esima Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, curata dal grande Harald Szeemann, recentemente scomparso. La serrata, seducente, analisi filosofica di Lacoue-Labarthe, complice l’opera di Urs Lüthi, non cessa di tenere aperto l’interrogativo su una possibile decostruzione del ritratto come soggetto della pittura.
Intervengono:
Mario Casanova, curatore del CACT Centro d’Arte Contemporanea Ticino, Svizzera.
Viana Conti, critico d’arte e curatore.
Simone Regazzoni, filosofo, insegnatne presso la cattedra di Estetica dell’Università di Genova e presso Paris VIII, Saint-Denis, Vincennes (F).
Tiziano Santi, critico d’arte.
Francesca Serrati, Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce, Genova.
Sarà presente Giancarlo Fenini, Console Generale di Svizzera a Genova.
Con la collaborazione di Artrè, Genova, direttore artistico Arch. Bruna Solinas, e con la galleria Dieda-Artbug, Bassano del Grappa di Adriana Bonato e Giulio Zanardi e il Patrocinio del Console Generale di Svizzera a Genova Giancarlo Fenini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here