Albenga: i due camminatori sono tornati

0
CONDIVIDI
Calvi e Giusto tra Albenga ed Alassio
Calvi e Giusto tra Albenga ed Alassio
Calvi e Giusto tra Albenga ed Alassio

SAVONA. 9 LUG. Hanno appena concluso il cammino che li ha portati da Montemarcello a Ventimiglia, attraverso l’ Alta Via dei Monti Liguri, e già pensano a prossime avventure. Sono due amici per la pelle: Daniele Calvi e Sergio Giusto che abbiamo incontrato ad Albenga, in riva al mare, in un sito spettacolare, proprio di fronte all’ isola Gallinara, vicino ad uno dei pochi luoghi della Liguria dove cresce ancora spontaneo il mitico Giglio Pancrazio.
“E’ stata una impresa impegnativa- ci dicono all’ unisono- ma che ci ha dato tanto. E stiamo già pensando di farne un’ altra: o in bici, o a piedi, con il gozzo o il gommone”.

Insomma due coraggiosi camminatori e soprattutto una miniera di idee e progetti. Ma torniamo all’ avventura dell’ Alta Via: “Fra le tappe più impegnative – dice Calvi- che abbiamo affrontato c’è stata quella dal Passo Bocco al Passo della Forcella. Si è trattato di una galoppata di trenta chilometri che ci ha portato al Passo della Forcella uno dei luoghi più spettacolari della Liguria”.

Ma oltre alla natura e la sua bellezza, anche la fede è stata al centro della loro impresa. “Nell’anno dei grandi eventi del Giubileo della Misericordia- dice Giusto- anche una piccola iniziativa come la nostra ha suscitato interesse ed è stata considerata come l’occasione per riflettere sulle parole del Pontefice circa i gesti della misericordia”.

 

La traversata dei monti liguri, che i due camminatori hanno realizzato, ha seguito il classico tracciato dell’ Alta Via, un percorso mozzafiato di 430 chilometri da Montemarcello ai Balzi Rossi. “La vera gioia è il cammino” è stato il titolo della loro impresa che è stata documentata e seguita con passione dai radioascoltatori di TRS Radio che trasmette su 104.800 FM. Con collegamenti telefonici periodici è stato possibile essere informati sulle vicende che hanno animato l’impresa dei due amici albenganesi ed è stato anche possibile seguirli sul sito www.trsradio.it

Anche alcune testate on line, come Mediterranews, Liguria 2000 NEWS, Albengacorsara, Liguria Notizie e Rivieraligure, hanno seguito, passo passo, la bella iniziativa del duo albenganese. E Twitter, Facebook ed Ilgiorno gli hanno dedicato ampio spazio.

“La fede e l’arte – prosegue Giusto- sono due tipi differenti di cammino, ma hanno una cosa molto importante in comune: per entrambe è certamente importante il Fine, ma il percorso stesso per conseguirlo è già di per sé una gioia. Da qui il titolo dato alla nostra piccola avventura: La vera gioia è il cammino. Insomma anche il granello di sabbia può contenere la grandezza del Creato”.

La bella iniziativa dei due camminatori albenganesi è stata ricca di incontri con la storia più recente (soprattutto quella partigiana, legata alla seconda guerra mondiale) e passata. Nel loro tragitto compiuto sull’ Alta Via dei Monti Liguri, hanno incrociato infatti la Via Regia, tratti di Vie Romane, diverse vie del Sale e della Transumanza, tratturi della via Francigena e di quella Romea, strade e percorsi che hanno una storia ultramillenaria.

“In questi giorni di cammino– conclude Calvi- siamo arrivati in luoghi magnifici. Siamo stati giorni interi senza incontrare nessuno ed abbiamo scavato dentro di noi. E’ stata una esperienza dura, ma siamo felici di aver goduto di panorami mozzafiato e di aver fatto incontri che serberemo per sempre nel nostro cuore”.
In attesa di nuove avventure.

CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO