Al via le attività primaverili del Conservatorio Paganini

0
CONDIVIDI
La presentazine delle attività primaverili al Conservatorio Niccolò Pganini
La presentazine delle attività primaverili al Conservatorio Niccolò Pganini
La presentazine delle attività primaverili al Conservatorio Niccolò Pganini

GENOVA. 3 MAG. Ieri nel salone dei concerti del Conservatorio Paganini il Direttore Roberto Iovino insieme a Giuseppe  Pericu, il presidente dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, l’Assore al Turismo e Cultura Comunale Carla Sibilla, il Dott. Biello di Regione Liguria e il prof. Francesco De Nicola dell’Università di Genova hanno presentato la stagione di concerti che come tutti gli anni dà la possibilità agli allievi di esibirsi in pubblico.

“ Un programma che ci avvicina al 2017, cinquantenario della statalizzazione di questo conservatorio” ha detto Pericu, un conservatorio che come ha sottolineato L’assessore Sibilla vanta la formazione di artisti importanti.” Continuo ad incontrare artisiti e musicisti che hanno studiato e si sono formati al Conservatorio Paganini di Genova, e questa è una grande soddisfazione per la nostra città”.

Il Prof. De Nicola ha invece messo in evidenza un appuntamento particolare, quello di sabato 21 maggio, che riguarda un concerto internazionale frutto della collaborazione dell’Università di Genova ed appunto il Conservatorio Paganini. Il concerto prevede musiche colte e popolari alternate a letture che riguardano i diversi paesi di provenienza di tanti studenti del Conservatorio, dal Perù all’Egitto, dalla Siria al Brasile, ed ancora Cina, Bielorussia, Ucraina. “Il tema è quello della fratellanza, come è giusto sia soprattutto in questo periodo “ ha detto De Nicola.

 

A seguire un altro importante appuntamento quello del 22 maggio a Palazzo Tursi che vede impegnata l’orchestra giovanile regionale del Conservatorio in un concerto particolare in quanto ha come solista Masha Diatchenko, giovane violinista nata da famiglia russa che si diplomò al Paganini nel 2007 quando aveva solo 12 anni. Il 13 giugno ci sarà invece il concerto degli allievi più grandi che avrà luogo al Teatro Carlo Felice e sarà diretta dal maestro Tappero. Chiuderà il ciclo la solita grande festa d’inizio d’estate il 21 giugno in cui tra musiche di ogni genere si aspetta l’alba con gioia anche se l’indomani mattina ad aspettare sia studenti che professori ci sono gli esami di fine anno .

“Questo è l’atto finale di un anno intenso – ha detto Iovino – in cui sono state fatte molte cose positive, si sono intensificati i rapporti con lo Stabile , ricordiamo i 4 concerti che hanno preceduto i debutti delle produzioni del teatro,  e con il Carlo Felice di cui auspichiamo la presenza di qualche orchestrale per la nostra Notte Bianca. Ma in futuro c’è anche altro : ringraziamo il Comune per aver assegnato come sede aggiuntiva all’Accademia ligustica e al Conservatorio Palazzo Senarega che per il conservatorio potrebbe diventare la Sala Concerti nel centro città. Il nostro sito diventerà interattivo come giusto sia per essere al passo coi i tempi. E poi c’è un progetto importante a cui tengo molto: qui vi è un fondo antico di circa 10.000 opere che vanno catalogate e fatte conoscere. Sarà un lavoro impegnativo, ma assolutamente indispensabile per ricostruire la storia di questo Conservatorio”.

Il Conservatorio di Genova vanta 551 iscritti di cui 35 stranieri, 77 docenti stabili, 18 a contratto, con 195 discipline inserite nei piani di studio. Per chi volesse sostenere il suo lavoro ricordiamo di destinare una quota pari al 5 per mille della propria imposta sul reddito.

FRANCESCA CAMPONERO

Per il programma completo dei concerti consultare il sito: www.conservatoriopaganini.org

LASCIA UN COMMENTO