Ad Albenga nuovi incarichi nelle parrocchie per il 2016

0
CONDIVIDI
I due vescovi ingauni Borghetti ed Oliveri
I due vescovi ingauni Borghetti ed Oliveri

SAVONA. 4 GENN. Il 2016 vede una serie di novità che riguardano la diocesi ingauna. Alcune erano già state avviate a fine anno, mentre altre sono divenute operative proprio con il nuovo. Il vescovo della Diocesi di Albenga-Imperia, monsignor Mario Oliveri, in accordo con il Vescovo Coadiutore, Monsignor Guglielmo Borghetti, ha provveduto infatti ad alcune nomine.

Padre Alessandro Venturin dei Canonici Regolari Lateranensi ha avuto una duplice nomina ad Andora: è stato infatti nominato amministratore parrocchiale di Santa Matilde ed ha avuto anche l’incarico di occuparsi della parrocchia della Santissima Trinità.
Don Massimo Borsani amministrerà le parrocchie dei Santissimi Antonio e Bernardino da Siena a Borgomaro e San Lazzaro a San Lazzaro Reale.
Don Matteo Boschetti è divenuto amministratore parrocchiale dei santissimi Michele e Sebastiano a Bestagno, frazione di Pontedassio.

Padre Franco Canichella (anch’egli dei Canonici Regolari Lateranensi) è stato nominato vicario parrocchiale di Santa Matilde ad Andora.
Don Stefano Mautone è stato nominato amministratore parrocchiale dei Santissimi Stefano e Antonino a Lucinasco.
Don Mareck Micalski è divenuto amministratore parrocchiale di San Marco a Borghetto d’Arroscia e dei Santissimi Antonio Abate, Lorenzo e Giovanni Battista, rispettivamente a Ubaga, Ubaghetta e Montecalvo.

 

A Don Antonio Dadour, parroco di San Matteo, è stata affidata anche la cura pastorale della parrocchia di Sant’Antonio da Padova a Borghetto Santo Spirito, in attesa della prossima nomina del parroco titolare.

In precedenza Don Ivo Raimondo era stato nominato vicario diocesano, Don Alberto Casella Rettore della chiesa dell’ Annunziata di Piazza Calvi a Imperia e Don Stefano Mautone vice parroco a Castelvecchio.

I tre novelli diaconi permanenti hanno avuto invece i seguenti incarichi: Alex Dellerba, 39 anni militare dell’Arma dei Carabinieri, presterà servizio nella parrocchia di Aurigo.
Luciano Lella, 52 anni, dipendente della CRI, presterà il suo servizio nella parrocchia di Cristo Re ad Imperia, mentre Salvatore Quaranta, 57 anni, pensionato, svolgerà il proprio servizio ad Aurigo.

Infine sono state accettate le dimissioni di Don Francesco Zappella dagli incarichi di parroco di Santant’ Antonio da Padova a Borghetto Santo Spirito e di vicedirettore della Caritas Diocesana, presentate dallo stesso sacerdote, con il lodevole intento di offrire la sua piena disponibilità per il maggior bene della Comunità ecclesiale.
La Diocesi di Albenga-Imperia ha più di 160 mila abitanti e conta ben 163 parrocchie. Il numero dei sacerdoti secolari è di 133, quello dei sacerdoti regolari 47. I diaconi permaneti sono 23, i religiosi 57 e le religiose 283, suddivisi in 12 comunità religiose maschili ed 8 femminili. La diocesi ingauna si estende su un vasto territorio che comprende parte delle province di Imperia, Savona e Cuneo.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO