Ad Alassio inizia la stagione della vela

0
CONDIVIDI

Un momento del meeting 2015
Un momento del meeting 2015

SAVONA. 26 FEBBR. Ultimi preparativi ad Alassio per l’apertura della nuova stagione agonostica della vela al Circolo Nautico Al Mare, che insieme alla Marina di Alassio spa, ha in programma un ricco calendario di appuntamenti. Dal fine settimana del 5 e 6 marzo infatti la città del Muretto ospiterà una serie di eventi di assoluto rilievo il primo dei quali sarà il Meeting Internazionale della Gioventù. Riservato alla classe Optimist, si tratta di una manifestazione internazionale che l’anno scorso ha avuto la capacità di attirare oltre 120 ragazzi e che quest’anno potrebbe arrivare a superare i 200. Arriveranno cadetti e juniores un po’ da ogni parte del Nord Italia, compreso il Lago di Garda e Como ed alcuni anche dall’estero. “La vela- ci ha detto il presidente del glorioso circolo velico alassino Ennio Pogliano- per Alassio può e deve essere il volano dell’economia. Con le nostre manifestazioni, con la preziosa e sempre fattiva collaborazione della Marina di Alassio, portiamo ogni anno svariate migliaia di persone a soggiornare nella nostra splendida cittadina e si tratta di turismo di qualità”.

Dopo il meeeting giovanile il calendario proseguirà con la Selezione Internazionale Classe Optimist (11, 12 e 13 marzo). Dal 18 al 20 sarà invece la volta dei cabinati, con la tradizionale Settimana Internazionale della Vela d’Altura (per le classi Irc/Orc). Per l’occasione è stato realizzato uno speciale annullo filatelico. E’ questo un evento che richiama ogni anno nella “Città del Muretto” tanti appassionati della vela e che è seguito sempre da radio e televisioni e dalle principali testate specializzate del settore velico.

Ad aprile è previsto invece l’arrivo di cento timonieri per il Master di deriva olimpica, classe Laser. L’appuntamento sarà l’occasione per ricordare e commemorare due grandi figure della vela alassina ed internazionale Sergio Gaibisso, già presidente Fiv, e Audisio Manfredo, allenatore classe Laser.
A maggio arrivano le derive performanti nel “D-One”, per il campionato nazionale, dal 13 al 15. “ Per questa regata – prosegue Pogliano- è prevista la presenza anche degli stranieri. Lo scorso anno sono arrivati equipaggi da Spagna, Irlanda e Inghilterra, cosa che accadrà anche in questa edizione”.
Nel mese di giugno si svolgeranno le manifestazioni studiate appositamente per i soci, con veleggiate per cabinati dedicate agli affiliati del Cnam. Il 21 giugno si svolgerà il Trofeo Mokalito. Il 29 giugno è previsto a borgo Coscia il Miglio Marino Alassio, gara di nuoto in acque libere.
Per il mese di agosto è prevista la veleggiata sociale per classi libere “Trofeo Autocrocetta”(il giorno 27). Settembre invece vedrà il 3, la disputa del Trofeo Autocentauro, altra veleggiata sociale, e dal 23 al 25, il Raduno Mare da aMare, iniziativa rivolta ai diversamente abili.

 

Nel mese di ottobre, il 2, è prevista la trentaduesima edizione del Trofeo dei 2 Golfi, gara di assoluto livello e classica della pesca alla traina costiera. A seguire, una nuova proposta che viene fatta dal Cnam aperta a tutti gli armatori e ai cabinati che vogliono cimentarsi a livello agonistico. L’8 e il 9 si terrà infatti la Regata Costiera d’Altura, da Alassio a Sanremo. Una traversata che porterà i partecipanti a fermarsi a Sanremo ospiti dello Yacht Club. Le barche rimarranno ferme nella città dei Fiori, pronte per l’appuntamento della settimana dopo a Monte Carlo. “Siamo riusciti – conclude Pogliano- a portare in questi anni importanti manifestazioni internazionali: europei, mondiali, tappe di Coppa del Mondo, ad organizzare appuntamenti di rilievo, regate d’Altura di livello internazionale ed anche quest’ anno non saremo certo da meno presentando un calendario di tutto rispetto”.

Orgoglio, entusiasmo ed impegno che è sempre condiviso con altri:“Metteremo tutte le nostre forze- dicono alla Marina di Alassio- a disposizione del Cnam che cercheremo di sostenere in tutte le iniziative volte alla promozione di Alassio e delle sue bellezze. Siamo convinti che il Cnam possa migliorare ancora e tornare presto ad essere di nuovo il circolo velico guida in Liguria, così come lo era stata alla fine degli anni Sessanta”. Un circolo velico insomma vivo e capace di muovere, non solo in campo sportivo, ma anche sociale, turistico e culturale decine di migliaia di persone all’anno.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO