Ad Alassio il 7 luglio arriva il Giro Rosa

0
CONDIVIDI
Il podio rosa del 2015
Il podio rosa del 2015

SAVONA. 20 GIUG. Così come è avvenuto lo scorso anno, in occasione del Giro d’Italia, la città di Alassio punta sul ciclismo anche nell’estate 2016. Del resto Alassio ha una lunga tradizione per la passione delle due ruote. Arriverà infatti proprio nella “Città del Muretto” la sesta tappa del 27° Giro d’Italia Rosa. La tappa, in programma il 7 luglio, partirà da Andora e sarà lunga 118 chilometri.

Si tratta di una tappa che si annuncia spettacolare e che potrebbe anche decidere le sorti del Giro. Quello riservato alle donne lo definiscono Giro Rosa, ma è invece una gara molto impegnativa: un prologo e nove tappe, dal primo al 10 luglio, e ben due si correranno in Liguria. La prima da Andora ad Alassio (con arrivo alla Madonna della Guardia) di 118 chilometri, con le impegnative salite del Ginestro (al km. 21), Nava (43) e Caprauna (km.57) e la seconda (l’ 8 luglio) a cronometro da Albisola Superiore a Varazze su un percorso di 22 chilometri.

Il via da Giairine, in provincia Treviso. La conclusione a Verbania Pallanza sul Lago Maggiore. Al via ci sarà il meglio del ciclismo mondiale. Le nostre speranze sono risposte in Elisa Longo Borghini, Rossella Ratto, Elena Cecchini, Marta Bastianelli, Marta Tagliaferro, Giorgia Bronzini, Susanna Zorzi, Tatiana Guderzo, Maria Giulia Confalonieri, Barbara Guarischi, Annalisa Cucinotta, Anna Zita Maria Strickner, Valentina Scandalora, Eva Lechner, Simona Frapporti, Ilaria Sanguineti ed Arianna Fidanza. Tutte cicliste in grado di puntare a successi di tappa, ma ben diffcilmente in grado di rivaleggiare con le fuoriclasse straniere per la classifica generale.

 

La tappa da Andora ad Alassio, nella strategia del Giro 2016, sarà una frazione chiave: sono attesi migliaia di tifosi ed appassionati delle due ruote da tutta Europa per assistere ad uno spettacolo avvincente. Alassio sarà così grazie al ciclismo ancora una volta al centro dell’attenzione dei Media. Si attendono migliaia di tifosi lungo i tornanti che portano al celebre Santuario che domina Alassio e le Valli ingaune.

Grande la soddisfazione per essere riusciti a portare ad Alassio questo importante appuntamento da parte dell’amministrazione guidata dal sindaco Enzo Canepa: “ La nostra amministrazione – ci spiegano in comune- è felice di ospitare il Giro Rosa. Abbiamo pensato di puntare anche in questa occasione sullo sport d’eccellenza come veicolo di promozione turistica per la nostra città”.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO