AD ALASSIO CAMMINATE ESTIVE CON AMNESTY

0
CONDIVIDI
Con Amnesty splendide camminate nella Baia del Sole
Con Amnesty splendide camminate nella Baia del Sole

SAVONA. 2 LUG. Hanno preso il via ieri pomeriggio nella “ Città del Muretto” le tradizionali passeggiate estive organizzate dalla sezione alassina di Amnesty International per far conoscere le bellezze di Alassio e del suo splendido entroterra collinare. Il gruppo di partecipanti è partito alle 17 dal Palazzo del Comune per una accurata visita al vecchio borgo alassino. “Burgus Alaxii” è il titolo della passeggiata che ha condotto i partecipanti ad ammirare le chiese ed i carrugi dell’antica città.

Ad accompagnare i partecipanti è stato il professor Bruno Schivo, da tanti anni impegnato nello studio e nella salvaguardia del patrimonio artistico e culturale della Liguria di Ponente. Sabato 4 luglio le camminate proseguono con l’ itinerario che condurrà i partecipanti da Albenga ad Alassio attraverso la via romana imperiale Iulia Augusta. Alle 17 è previsto il ritrovo ad Albenga, in piazza San Michele (presso il Civico Museo Ingauno). Lungo il percorso si svolgerà la visita guidata ai monumenti funerari di epoca imperiale lungo il tracciato della via romana. Si proseguirà verso Alassio lungo la variante recentemente aperta. L’arrivo è previsto per le ore 19 e 30 nel piazzale di Santa Croce.

Questa escursione non presenta particolari difficoltà, tuttavia è necessario l’uso di scarpe adatte a percorsi su mulattiera e sentiero. Il ritorno ad Albenga può essere effettuato in treno o autobus di linea. Il benemerito e noto studioso professor Bruno Schivo da anni ( ed a titolo del tutto gratuito) è impegnato in modo ammirevole in questa campagna di promozione e divulgazione circa il patrimonio artistico, storico, architettonico e devozionale del comprensorio alassino. Per avere maggiori informazioni su queste ed altre iniziative di Amnesty International è possibile contattare i numeri telefonici 3283066168 e 0182648142, oppure scrivere direttamente all’accompagnatore all’indirizzo di posta elettronica [email protected]
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO