A SERRA RICCO’ PROGETTO SOCIALE DEI GLOBAL SHAPERS

0
CONDIVIDI
Un gruppo di bambini interessato al progetto
Un gruppo di bambini interessato al progetto

GENOVA. 4 DIC. I Global Shapers di Genova guidati dalla laiguegliese Federica Laureri proseguono nelle loro iniziative a favore dei giovani. Questa volta hanno portato in classe il fisioterapista per promuovere il benessere psicofisico ed il rendimento scolastico.
Il progetto ha riguardato la Scuola primaria Anna Frank di Serra Riccò nella quale il fisioterapista è salito in cattedra per promuovere le buone pratiche per migliorare l’attenzione ed il rendimento scolastico attraverso la corretta postura. Gli alunni sono stati impegnati in un percorso di educazione alla salute incentrato sulla prevenzione e la rieducazione posturale globale. A condurre la lezione, con l’ausilio delle maestre, è stato il fisioterapista Simone Acquapendente che, attraverso esempi pratici tratti dalla quotidianità, ha guidato i discenti ad assumere in classe e nella vita, comportamenti idonei a garantire al proprio corpo un corretto sviluppo psicofisico.
I Global Shapers sono una iniziativa lanciata dal Wef (World Economic Forum) nel 2011. Ad oggi sono già 300 i gruppi di giovani organizzati in hub nelle maggiori città del mondo. In tutto superano le tremila unità.
“Lavoriamo su progetti di vario tipo con un impatto sociale per le comunità locali- spiegano i rappresentanti del gruppo genovese- Siamo giovani dai profili più diversi che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza su iniziative a forte impatto sociale e lo fanno del tutto gratuitamente. Dal punto di vista finanziario siamo autogestiti, quindi totalmente indipendenti”.
Il progetto genovese rientra in un più vasto programma di miglioramento e potenziamento delle abilità personali che vede il coinvolgimento delle scuole a partire da quelle dell’infanzia, attraverso l’intervento di esperti che, come nel caso del fisioterapista, pongono l’attenzione sulla relazione tra rendimento scolastico e corretta postura. L’intervento rieducativo del dottor Acquapendente si è concentrato anche su esempi pratici per migliorare il benessere psicofisico degli alunni nelle
attività di studio a casa. “Questa iniziativa- ci ha spiegato Federica Laureri, curatrice dell’ Hub di Genova- è rivolta al benessere psicofisico e prosegue l’impegno della nostra community a favore degli studenti più piccoli. Un progetto che continua la straordinaria esperienza realizzata dagli shapers, tra ricerca e istruzione, che lo scorso anno scolastico, ha visto nascere il gemellaggio tra i giovani talenti dell’alberghiero “Bergese” e i ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia in occasione dell’ Expo milanese. La mission dei Global Shapers è quella di lavorare per lo sviluppo economico e sociale delle proprie comunità, con progetti autofinanziati e basati sul volontariato dei membri della community”. Per avere maggiori informazioni sulle iniziative del gruppo genovese è possibile contattare il numero telefonico 346 5443444.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO