A PASSEGGIO CON AMNESTY TRA ALBENGA ED ALASSIO

0
CONDIVIDI
Con Amnesty si potrà visitare un tratto della via romana
Con Amnesty si potrà visitare un tratto della via romana

SAVONA. 22 AGOS. Stanno ottenendo un notevole successo le passeggiate estive organizzate da Amnesty per far conoscere a residenti e turisti le bellezze nascoste di Alassio.

La passeggiata di questo pomeriggio (ritrovo e partenza alle ore 17 davanti al Comune di Albenga, in piazza San Michele) ha lo scopo di far conoscere le bellezze naturalistiche ed archeologiche visitabili nel tratto dell’antica via Romana che collega Albenga ad Alassio.

“ Questo pomeriggio – ci ha spiegato il professor Schivo, che accompagna i visitatori in questi itinerari- proseguiranno le passeggiate di Amnesty, che anche questa estate hanno già riscosso un notevole successo. Si tratta di itinerari che Amnesty organizza ogni anno in collaborazione con gli assessorati al Turismo ed alla Cultura. Oggi è prevista la visita guidata ai monumenti funerari di epoca imperiale lungo il tracciato della via romana sulla collina fra Albenga ed Alassio. A causa di una frana si tratta di un percorso diverso da quello tradizionale: per giungere ad Alassio verrà infatti percorsa una nuova variante”. L’arrivo in piazzale Santa Croce è previsto per le 19 e 45.

 

Da qui sarà possibile discendere a pedi ad Alassio, oppure in autobus, con servizio di linea. “ Si tratta- dice il noto scrittore Armando D’Amaro – di una serie di interessanti escursioni, anche facili da compiere, guidati dal benemerito professor Schivo, che contribuiscono ogni estate a far conoscere la storia e le bellezze di Alassio. Sono passeggiate che ogni anno riscuotono grande interesse tra residenti e turisti ed offrono davvero l’opportunità di fare facili escursioni alla scoperta della città e delle bellezze naturali ed architettoniche del territorio”. Questa serie di escursioni, poco impegnative, di soli pochi chilometri, hanno lo scopo di far conoscere le bellezze naturalistiche ed artistiche delle chiese e degli edifici storici del primo entroterra alassino per educare al rispetto di questo importante patrimonio culturale, naturale, religioso, devozionale ed artistico che rende così bella la nostra Riviera. Per partecipare, o iscriversi non è necessaria alcuna prenotazione. Basta presentarsi all’appuntamento cinque minuti prima del via. Le gite sono gratuite, con offerta libera a favore di Amnesty International. Per maggiori informazioni ci si può direttamente rivolgere al professor Schivo ai numeri 3283066168 e 0182648142.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO