A Loano 20 medaglie italiane agli Europei

0
CONDIVIDI
La nazionale italiana
La nazionale italiana

SAVONA. 14 GIUG. Anche ieri i nuotatori italiani ai Campionati Europei di nuoto dell’ INAS-Fisdir si sono fatti onore: gli azzurri hanno infatti conquistato tre medaglie. Gianluigi Franchetto ha vinto la medaglia d’oro nella gara dei 50 farfalla con il tempo di 30.24, mentre le altre due medaglie d’argento sono state conquistate da Kevin Casali ( secondo nei 200 stile libero dietro al francese Nathan Maillet) e dalla staffetta azzurra della 4×100 stile libero composta da Casali- Palazzo-Scafidi- Franchetto.

I nuotatori azzurri hanno raggiunto la cifra di 20 podi ottenendo 4 medaglie d’oro, 12 d’argento e quattro di bronzo. Un risultato che sta andando al di là dlle più rosee previsioni della vigilia. La quarta giornata dei campionati loanesi, che stanno riscuotendo un grande successo, ha dunque consentito di arricchire il medagliere azzurro.

L’ Italia così è seconda nel medagliere dietro ad una Francia imprendibile, rivelatasi la grande dominatrice di questa edizione dei campionati continentali. Grande soddisfazione fra allenatori, dirigenti e tecnici azzurri: già al termine della terza giornata infatti l’ Italia aveva raggiunto nelle medaglie quota 17, lo stesso numero ottenuto nei precedenti campionati europei a Liberec. “Anche se è ancora presto per poter fare un completo bilancio degli Europei- dice Dario Della Gatta, presidente del comitato organizzatore- posso dire che ancora una volta Loano si è dimostrata all’ altezza essendo città d’ eccellenza per ospitare grandi appuntamenti sportivi come questo, grazie all’ ottima ricettività, agli impianti sportivi di prim’ordine e ad una diffusa tradizione di cultura sportiva. Loano è un esempio concreto di come Sport e Turismo possano andare a braccetto”.

 

Ecco il medagliere dopo la quarta giornata di gare. Campionati Europei di Nuoto INAS-Fisdir: 1) Francia 10 ori, 3 argenti, 10 bronzi; 2) ITALIA 4 ori, 12 argenti e 4 bronzi; 3) Polonia 4-0-2; 4) Turchia 3-6-6; 5) Spagna 3-3-5; 6) Austria 3-3-2; 7) Repubblica Ceca 2-4-1; 8) Portogallo 2-0-1; 9) Estonia 0-0-1.

CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO