A La Spezia Mostra Progetto Arteterapia “Lascio il segno”

0
CONDIVIDI
Arteterapia "Lascio il segno" a La Spezia
Arteterapia "Lascio il segno" a La Spezia
Arteterapia “Lascio il segno” a La Spezia

LA SPEZIA. Venerdi 27 Maggio, alle 17, a conclusione del Progetto di Arteterapia, organizzato da ASL 5 Spezzino (Dipartimento Cure Primarie e Attività Distrettuali), in collaborazione con il Dipartimento Didattico del CAMeC, si inaugurerà la mostra “Lascio il segno”.

Il percorso di Arteterapia ha avuto come filo conduttore le mostre “Dal disegno al segno”, un’ampia rassegna costituita da circa 150 opere su carta, che esplora l’affascinante territorio del disegno nelle sue numerose accezioni e interpretazioni, e “Giulio Turcato. Dalla forma poetica alla pittura di superficie”, importante antologica dedicata alla produzione del maestro dal 1945 al 1991. Il progetto si è svolto con incontri a cadenza settimanale da novembre a maggio presso il laboratorio didattico del CAMeC.

Interverranno: il Direttore del Dipartimento Cure Primarie e Attività Distrettuali Stefania Silvano, il Direttore del Distretto Sociale 18 Stefania Branchini, il Responsabile della Struttura Semplice Disabili Fabio Ferrari, il Responsabile della SSD di Neuropsichiatria Infantile Franco Giovannoni, il Dirigente Servizi Culturali del Comune della Spezia Marzia Ratti, Eleonora Acerbi Conservatore CAMeC, Cristiana Maucci Responsabile organizzativo Didattica CAMeC, Daniela Binelli e Patrizia Drovandi, responsabili del Progetto Arteterapia.

 

L’iniziativa, attiva dal 2011, rivolta a giovani e adulti con disabilità neuropsichiche inseriti nel CTD di Gaggiola o semplicemente seguiti dalla SS Disabili ASL 5, quest’anno ha ampliato l’offerta, prevedendo il coinvolgimento di un gruppo di adolescenti in carico alla SSD di Neuropsichiatria Infantile. Il progetto persegue gli obiettivi generali di inclusione sociale e di potenziamento delle capacità espressive, comunicative e relazionali, e si articola in obiettivi specifici necessari ad ogni singolo utente.

La mostra rimarrà aperta fino al 5 giugno con ingresso gratuito.

LASCIA UN COMMENTO