A Genova un master sul vermentino

0
CONDIVIDI
A Genova un master sul vermentino

GENOVA. 11 OTT. Il successo del Vermentino è ormai un dato di fatto acquisito e in questo movimento generale di crescita di un vitigno dalle peculiarità squisitamente mediterranee, la Liguria si distingue offrendo vini originali e dalla garbata eleganza.

Così come avviene per diverse altre importanti varietà del panorama enoico, l’Associazione Italiana Sommelier organizza un concorso nazionale volto a incoronare, dopo una selezione rigorosa, chi, tra i partecipanti, riesce a meglio dimostrare un’approfondita conoscenza del Vermentino.

Appuntamento a Palazzo Imperiale, nella sede genovese dell’Ais, in piazza Campetto 8/a per i sommelier provenienti da tutta Italia e per il pubblico che potrà assistere alle prove orali e pratiche previste a partire dalle ore 14.00.

 

I finalisti, dopo una selettiva prova scritta, che si sarà svolta in mattinata a porte chiuse, dovranno cimentarsi con una serie di domande legate al Vermentino, ai suoi areali produttivi, alle diverse caratteristiche e alle etichette maggiormente rappresentative.

Oggi la figura del sommelier assomiglia sempre più a quella di uno “specialist”, capace di affrontare ruoli che superano quello di un accurato servizio al tavolo, arrivando alla gestione di tutte quelle situazioni che richiedono approfondita conoscenza enologica e capacità di divulgare il patrimonio enogastronomico in funzione del territorio di appartenenza. Ciò non di meno la conoscenza specifica e approfondita delle tecniche di servizio e la capacità di abbinare correttamente cibo e vino rimangono alla base della preparazione e assistere ad una prova nella quale i concorrenti si misurano anche sulla perfetta esecuzione di tali tecniche è certamente un’interessante esperienza.

Al termine la giuria valuterà le prove dei finalisti e assegnerà il titolo di “Miglior Sommelier del Vermentino 2016”. Seguirà una degustazione, aperta al pubblico, di alcuni dei Vermentini più rappresentativi della Liguria, per provare a ritrovare nel proprio bicchiere le sensazioni e le caratteristiche descritte in precedenza.

Informazioni dettagliate sul corso e modalità d’iscrizione sono sul sito www.aisliguria.it

LASCIA UN COMMENTO